peyrani
Home » Internazionale, News » Incaglio nave Rena: pericoloso per la salvaguardia dell’ambiente marino

Incaglio nave Rena: pericoloso per la salvaguardia dell’ambiente marino

E’ confermato.  A bordo della m/v “Rena” si trovano container di merci pericolose. La portacontenitori Rena, lunga 236 metri e di  47230 tonnellate di dead weight (portata lorda),  battente bandiera della Liberia, appartiene al gruppo armatoriale greco Costamare Inc.

Mentre era in navigazione a circa 10 miglia dal porto di Tauranga, mercoledì scorso, si incagliava  sulla Astrolabe Reef a nord dell’Isola del Nord della  Nuova Zelanda e a tre miglia a nord dell’Isola di Motiti; a bordo vi erano 2.100 container e 1.700 tonnellate di carburante pesante.

L’impatto è stato violento ed ha procurato una ampia falla in carena con relativo sbandamento di circa 12 gradi a sinistra e la fuoriuscita di carburante per diverse miglia, generando una vera e propria “marea nera”. Incolumi i 23 membri dell’equipaggio, tutti filippini, che sono ancora a bordo, da mercoledì e sono impegnati  a spostare container nelle zone della nave a minor rischio e nel tentativo di diminuire lo sbandamento.

Non è ancora chiaro quanto del carico di carburante pesante si sia sversato in mare, ha detto il funzionario di Maritime New Zealand Authority , Rob Service: “Non sembra vi siano falle nei serbatoi, ma i danni sono estesi ed è ancora difficile determinarli accuratamente e decidere come disincagliarla, operazione che comunque richiederà del tempo”.

“La situazione sta peggiorando ed è possibile che la nave si spezzi in due e affondi”, ha detto oggi il ministro dei Trasporti Steven Joyce. Parte del carico, stivato in quattro contenitori,  è altamente pericoloso: si tratta di ferro-silicio, una sostanza che può produrre grandi quantità di gas di idrogeno in presenza di acqua e con una certa probabilità di causare scoppio ed incendio, visto che l’idrogeno è altamente infiammabile.

Il comandante della nave,  avendo individuato i quattro container, sta predisponendo un piano di recupero. Si sta rischiando il peggiore disastro ambientale per quelle zone, anche a seguito del peggioramento delle condimeteomarine che stanno rallentando le operazioni di soccorso e recupero delle rimanenti tonnellate di carburante rimasto a bordo.

Dal punto di vista ambientale, la zona interessata appartiene alla barriera corallina, detta Astrolabe, ricoperta di anemoni di mare e spugne multicolori; ospita una ricca fauna di pesci oltre a pinguini blu, foche e procellarie. Almeno quattro uccelli marini sono stati trovati morti nelle vicinanze della nave, tra questi un cucciolo di pinguino; altri sono stati visti ricoperti di petrolio.

In collaborazione della  Massey University le associazioni ambientaliste stanno allestendo due centri di soccorso per gli animali, uno sull’isola di Motiti e l’altro presso il depuratore di Tauranga. Le squadre per il recupero e salvataggio sono già all’opera per decidere come disincagliarla, dopo accurate ispezioni subacquee.

Abele Carruezzo

Screenshot: youreporter.it

 © Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. La nave cilena della “tortura” visita North Vancouver ed accende la protesta
  2. Triple E: la nave ecologica sarà pronta nel 2013
  3. Ancora una nave italiana in mano ai pirati
  4. Cina e Brasile: no all’IMO per la salvaguardia dell’ambiente
  5. NAVE INCAGLIATA A DUE MIGLIA DALLE COSTE PUGLIESI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4561

Scritto da Abele Carruezzo su ott 7 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab