peyrani
Home » Internazionale, News » Incaglio nave Rena: pericoloso per la salvaguardia dell’ambiente marino

Incaglio nave Rena: pericoloso per la salvaguardia dell’ambiente marino

E’ confermato.  A bordo della m/v “Rena” si trovano container di merci pericolose. La portacontenitori Rena, lunga 236 metri e di  47230 tonnellate di dead weight (portata lorda),  battente bandiera della Liberia, appartiene al gruppo armatoriale greco Costamare Inc.

Mentre era in navigazione a circa 10 miglia dal porto di Tauranga, mercoledì scorso, si incagliava  sulla Astrolabe Reef a nord dell’Isola del Nord della  Nuova Zelanda e a tre miglia a nord dell’Isola di Motiti; a bordo vi erano 2.100 container e 1.700 tonnellate di carburante pesante.

L’impatto è stato violento ed ha procurato una ampia falla in carena con relativo sbandamento di circa 12 gradi a sinistra e la fuoriuscita di carburante per diverse miglia, generando una vera e propria “marea nera”. Incolumi i 23 membri dell’equipaggio, tutti filippini, che sono ancora a bordo, da mercoledì e sono impegnati  a spostare container nelle zone della nave a minor rischio e nel tentativo di diminuire lo sbandamento.

Non è ancora chiaro quanto del carico di carburante pesante si sia sversato in mare, ha detto il funzionario di Maritime New Zealand Authority , Rob Service: “Non sembra vi siano falle nei serbatoi, ma i danni sono estesi ed è ancora difficile determinarli accuratamente e decidere come disincagliarla, operazione che comunque richiederà del tempo”.

“La situazione sta peggiorando ed è possibile che la nave si spezzi in due e affondi”, ha detto oggi il ministro dei Trasporti Steven Joyce. Parte del carico, stivato in quattro contenitori,  è altamente pericoloso: si tratta di ferro-silicio, una sostanza che può produrre grandi quantità di gas di idrogeno in presenza di acqua e con una certa probabilità di causare scoppio ed incendio, visto che l’idrogeno è altamente infiammabile.

Il comandante della nave,  avendo individuato i quattro container, sta predisponendo un piano di recupero. Si sta rischiando il peggiore disastro ambientale per quelle zone, anche a seguito del peggioramento delle condimeteomarine che stanno rallentando le operazioni di soccorso e recupero delle rimanenti tonnellate di carburante rimasto a bordo.

Dal punto di vista ambientale, la zona interessata appartiene alla barriera corallina, detta Astrolabe, ricoperta di anemoni di mare e spugne multicolori; ospita una ricca fauna di pesci oltre a pinguini blu, foche e procellarie. Almeno quattro uccelli marini sono stati trovati morti nelle vicinanze della nave, tra questi un cucciolo di pinguino; altri sono stati visti ricoperti di petrolio.

In collaborazione della  Massey University le associazioni ambientaliste stanno allestendo due centri di soccorso per gli animali, uno sull’isola di Motiti e l’altro presso il depuratore di Tauranga. Le squadre per il recupero e salvataggio sono già all’opera per decidere come disincagliarla, dopo accurate ispezioni subacquee.

Abele Carruezzo

Screenshot: youreporter.it

 © Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. La nave cilena della “tortura” visita North Vancouver ed accende la protesta
  2. Triple E: la nave ecologica sarà pronta nel 2013
  3. Ancora una nave italiana in mano ai pirati
  4. Cina e Brasile: no all’IMO per la salvaguardia dell’ambiente
  5. NAVE INCAGLIATA A DUE MIGLIA DALLE COSTE PUGLIESI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4561

Scritto da Abele Carruezzo su ott 7 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab