Home » Internazionale, News » Portarinfuse Montecristo sequestrata dai pirati

Portarinfuse Montecristo sequestrata dai pirati

Dopo la Savina Caylyn con a bordo cinque italiani, un’altra nave è stata italiane è stata sequestrata dai pirati al largo delle coste della Somalia. Si tratta della prima portarinfuse, che quindi trasporta materiale non liquido, classe Supramax della Dalmare.

L’armatore Antonio D’Alesio l’ha acquistata quest’anno, nel mese di giugno, dai cantieri coreani Hyundai Mipo. La Montecristo porta il nome dell’arcipelago toscano di cui è originario l’armatore e naviga sulle rotte internazionali per la movimentazione di carichi di minerali, carbone e grano.

Ha cinque stive e di 4 gru per la movimentazione del carico, e può operare in qualunque porto internazionale: a bordo ha un equipaggio di 23 persone, di cui 7 italiane. «La principale preoccupazione in questo momento è per i membri dell’equipaggio»: lo dichiara la D’Alesio Group, società armatrice della nave sequestrata dai pirati nel golfo di Aden.

Nella sede livornese della società è in corso una riunione per seguire ogni mossa del sequestro ma, sempre la società ha fatto sapere che, al momento del sequestro, la Montecristo era scortata da una nave militare giapponese: quando il cargo è entrato nell’Oceano Indiano e la nave giapponese si è allontanata, sono entrati in azione i pirati. La Montecristo era partita dal porto di Liverpool e avrebbe dovuto raggiungere il Vietnam con un carico di ferro.

Salvatore Carruezzo

Leggi anche:

  1. Ancora una nave italiana in mano ai pirati
  2. Più di tre mesi sotto sequestro dei pirati
  3. International for Strategic Studies: marittimi–ostaggi dei pirati
  4. Uno skiff di pirati ha attaccato un “mammut” italiano
  5. Gli attacchi dei pirati non si fermano: attaccata anche la Bottiglieri

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4648

Scritto da Redazione su ott 10 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab