peyrani
Home » Internazionale, News » Interrogati i pirati della Montecristo: il gip convalida i fermi

Interrogati i pirati della Montecristo: il gip convalida i fermi

Su richiesta del pm Pietro Saviotti, il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Roma ha convalidato il provvedimento di fermo per gli undici pirati della nave italiana Montecristo. Sequestrata al largo delle coste somale, la nave è stata attaccata da nove somali e due pachistani e liberata dopo un blitz dei militari inglesi l’11 ottobre.

Il gip ha interrogato in videoconferenza gli arrestati e deciso per la convalida per i fermati che sono a borda della Andrea Doria. Sono accusati di atti di depredazione, danneggiamento, detenzione di armi da guerra, imputazioni aggravate dalla finalità di terrorismo.

Sulla nave del gruppo D’Alesio, al momento dell’attacco, si trovavano 23 persone, tra i quali anche sette italiani e quattro esperti di sicurezza. Il comandante della Montecristo Diego Scussat, nonostante l’attacco, è riuscito a rifugiarsi nell’area blindata ed ha diretto il mercantile nelle acque in cui sarebbero stati agevolati i soccorsi.

Salvatore Carruezzo

Foto: Simone Rella

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Montecristo liberato ma il problema pirateria resta
  2. Portarinfuse Montecristo sequestrata dai pirati
  3. International for Strategic Studies: marittimi–ostaggi dei pirati
  4. Uno skiff di pirati ha attaccato un “mammut” italiano
  5. Gli attacchi dei pirati non si fermano: attaccata anche la Bottiglieri

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4742

Scritto da Salvatore Carruezzo su ott 15 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab