peyrani
Home » Italia, News » Nicastro: “Puglia al servizio del Corridoio 8″

Nicastro: “Puglia al servizio del Corridoio 8″

“Le piattaforme petrolifere per la coltivazione degli idrocarburi in Adriatico sarebbero come delle portaerei diversamente armate e i mega impianti offshore una negazione del concetto di sostenibilità ambientale insito nell’idea di energia rinnovabile.

Il nostro dovere istituzionale è di vigilare in questo campo”. Così Lorenzo Nicastro, assessore regionale pugliese alla Qualità dell’Ambiente ha esordito nel suo intervento ad EcoBiz ExpoTech 2011 a Tirana, prima di proseguire per Skopje.

“Riteniamo irrinunciabile proseguire nello sfruttamento delle fonti rinnovabili come pure la necessità di puntare – ha aggiunto l’assessore parlando dinanzi ai numerosi imprenditori pugliesi presenti in sala -  ad un quadro di riferimento più organico rispetto a quello in cui la nostra regione ha vissuto il boom degli ultimi anni”.

“Impianti sui tetti e sulle superfici utili di edifici pubblici e privati: questo è il nostro obiettivo. Una fitta rete di produzione di energia pulita che non deturpi il territorio e alimenti le nostre città e le nostre attività industriali. E’ questa la svolta culturale su cui stiamo lavorando in Puglia – ha concluso l’assessore – e che vorremmo condividere, con l’apporto delle imprese della nostra regione, con i paesi balcanici del Corridoio VIII”.

Leggi anche:

  1. Regione Puglia: no alle trivellazioni in mare
  2. Goletta Verde: raccolte 821 tonnellate di oli lubrificanti usati in Puglia
  3. Goletta Verde è in Puglia
  4. Tassa di soggiorno: l’Anci Puglia boccia il provvedimento
  5. La Puglia “Corsara” dimentica i “corsari”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4775

Scritto da Redazione su ott 17 2011. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab