Home » Italia, News » Corridoio Adriatico-Ionico: Sbarbati chiede che raggiunga anche Brindisi

Corridoio Adriatico-Ionico: Sbarbati chiede che raggiunga anche Brindisi

Con una mozione urgente, presentata oggi al Senato, Luciana Sbarbati ha chiesto di modificare il testo che riguarda il corridoio Adriatico-Ionico. La mozione è stata sottoscritta anche dai colleghi Marina Magistrelli e Silvana Amati del Pd e Francesco Casoli del Pdl oltre al senatore Marini, Legnini e D’Alia.

«Così come presentato dalla Commissione europea, il corridoio Adriatico Ionico si ferma a Ravenna – ha spiegato la senatrice Sbarbati – ma riteniamo indispensabile il suo prolungamento fino ad Ancona, Bari e Brindisi se si vuole evitare l’emarginazione delle regioni del centro sud e favorire l’integrazione e lo sviluppo dell’area interessata».

Nella mozione è chiesto «un impegno determinato del Governo italiano affinchè si giunga alla veloce approvazione della Macroregione Adriatico Ionica da parte dell’Unione europea, così che possa accedere ai finanziamenti previsti nella programmazione dei fondi comunitari 2014-2020 e dare completezza al progetto.

Il ministro Matteoli ha assicurato il suo impegno e si è detto disponibile ad organizzare, a breve, un incontro con le autorità regionali e i parlamentari eletti nelle regioni interessate».

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Nicastro: “Puglia al servizio del Corridoio 8″
  2. Programma Ipa Adriatico: collaborazione tra Italia e Croazia
  3. Macroregione Adriatico-Ionica: l’Unione Europea dice sì
  4. Ionian Spirit: il Comune chiede all’armatore di restare a Brindisi
  5. Brindisi: la Northern Petroluem chiede la Via per le trivellazioni

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4956

Scritto da Salvatore Carruezzo su ott 26 2011. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab