peyrani
Home » Internazionale, News » La Grecia contro i pirati imbarca guardie armate

La Grecia contro i pirati imbarca guardie armate

Per garantire la sicurezza degli equipaggi delle navi che navigano in zone di dominio dei pirati, la Grecia è sulla strada per approvare un decreto legge che autorizzi l’imbarco di guardie armate a bordo di navi commerciali; questo è quanto di legge in uno scarno comunicato, ieri, da parte del Ministero della Marina Mercantile Ellenica.

La normativa autorizzerà gli armatori ad imbarcare un minimo di sei guardie armate  per nave, con un contratto semestrale rinnovabile. Questo nuovo decreto, sarà applicato principalmente alle navi battenti bandiera greca, ma potrebbe essere esteso alle imbarcazioni a vela (per diporto) che attraversano acque territoriali greche, per non cadere in sanzioni IMO.

Inoltre, questo nuovo decreto consentirà agli armatori greci di navi, battenti bandiere di comodo, circa 500 navi secondo una stima del Sindacato dei Capitani ellenico, di essere considerate idonee alla navigazione e sotto tutela governativa.

Infatti, le Autorità Marittime e Ministeriali greche avevano inizialmente resistito alle richieste degli armatori per imbarcare guardie armate per rinforzare la sicurezza degli equipaggi sotto minaccia dei pirati; resistenza che non è durata a lungo, visto che anche la Grecia si  è allineata agli altri Stati, con una legislazione di emergenza.

Una sola opposizione si è registrata: Unione dei Capitani Ellenici, con il Segretario capo, George Tsouris, si è dichiarato preoccupato che una simile misura possa scatenare la corsa all’imbarco di guardie contro i pirati. L’International Maritime Organization (IMO) ha registrato 352 attacchi di pirateria tra gennaio e settembre di quest’anno.

Abele Carruezzo

Foto: Simone Rella

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Pirateria: il Senato pensa alle scorte armate
  2. IMO dà OK per l’imbarco di guardie armate a bordo di navi
  3. Più di tre mesi sotto sequestro dei pirati
  4. International for Strategic Studies: marittimi–ostaggi dei pirati
  5. Sequestro Rosalia D’Amato: ancora silenzio dai pirati

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5625

Scritto da Abele Carruezzo su nov 26 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab