peyrani
Home » Internazionale, News » MSC: sempre più impegno nel Porto di Le Havre

MSC: sempre più impegno nel Porto di Le Havre

La Mediterranean Shipping Company (MSC), la seconda global container carrier del mondo, e il terminalista francese Terminaux de Normandie (TN), hanno siglato (lo scorso 30 novembre) un nuovo progetto “joint-venture TNMSC”, per la costruzione di un nuovo terminal container nel Porto di Le Havre.

Il progetto, ambizioso, vedrà il Porto di Le Havre posizionarsi come un importante hub sullo scenario marittimo dell’Europa occidentale; il costo si aggira intorno ai 160 milioni di euro con la partecipazione di entrambe le società  a 50/50. Il nuovo terminal TNMSC, sarà collocato nella zona ovest di Port 2000; si estenderà con una banchina lunga 1.400 metri e si prevede l’inizio dell’esercizio nei primi mesi del 2012.

Il nuovo terminal è stato progettato con l’obiettivo della “multimodalità”; con una zona di scambio di traffico dedicato alla modalità stradale, mentre le linee ferroviarie sono state previste alle spalle del terminal, per avere più flessibilità nella gestione della fase “mare-ferro” e viceversa. Questo nuovo progetto segnerà per il Porto di Le Havre una nuova dimensione di “porto hub” per tutta l’area mediterranea e non solo, spostando ancora più a nord il baricentro del flusso trasportistico.

I 1.400 metri di banchina, consentiranno l’attracco di navi portacontainer di 14.000 teu in qualunque ora delle 24H lavorative e per qualunque escursione mareografica. Soddisfazione è stata espressa dal  Dipartimento del “Grand Port Marittime du Havre” (Port of Authority) per lo sviluppo del progetto che consentirà anche nuovi posti di lavoro, sia per la costruzione che per l’avviamento delle operazioni di imbarco e sbarco dei container; anche perché aumentando il traffico di conseguenza aumenteranno le movimentazioni di banchina dei container, in linea con i piani operativi dell’Authority che mira a raddoppiare il proprio traffico container entro il 2020, per raggiungere 5 milioni di teu.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Nuovo Terminal container per Felixstowe
  2. Fincantieri: con impegno del governo, arriveranno commesse da MSC
  3. Non sempre “security” vuol dire sviluppo di un porto
  4. Porto di Venezia: inaugurato il Terminal Isonzo II
  5. Port of Southampton: crescono gli ormeggi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5739

Scritto da Abele Carruezzo su dic 1 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab