peyrani
Home » Italia, News » La portaerei Cavour diventa ammiraglia dopo esercitazione Amphex

La portaerei Cavour diventa ammiraglia dopo esercitazione Amphex

La portaerei Cavour ha superato l’esame da ammiraglia della Marina militare e si prepara agli impieghi operativi, comprese le attività di contrasto alla pirateria al largo del Corno d’Africa per prevenire i sequestri dei mercantili in transito.

«Si tratta – conferma l’ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, Comandante in capo della Squadra navale – di una nave che può efficacemente svolgere un ruolo di spicco in un’operazione internazionale antipirateria, soprattutto se ispirata ad un concetto di impiego più ampio, che non si limiti alla sorveglianza in mare ma che comprenda anche ipotesi di intervento a terra».

La nave Cavour ha concluso un serrato ciclo addestrativo per ottenere tutte le certificazioni logistiche e operative necessarie a fare della portaerei la nuova ammiraglia della Marina. L’esercitazione Amphex 2011 è stata concentrata in un minor numero di giorni rispetto alle prove analoghe effettuate in passato per le esigenze di contenimento dei costi in un momento di ristrettezze economiche, senza tuttavia far mancare la necessaria attenzione per le attività addestrative.

«Un’esercitazione importantissima – rileva Binelli Mantelli – un esame di maturità superato per una nave che ha, tra l’altro, un equipaggio ridotto rispetto a Nave Garibaldi e quindi minori costi di gestione». È un periodo «molto intenso», precisa Binelli Mantelli, per quanto riguarda le attività antipirateria della Marina al largo della Somalia, culminate la scorsa settimana nell’intervento di nave Andrea Doria a sostegno dell’equipaggio della Rosalia D’Amato, il mercantile liberato dopo un sequestro durato sette mesi.

Nuclei armati di protezione composti da militari della Marina si apprestano poi ad effettuare servizi di scorta alle navi mercantili italiane che ne faranno richiesta. All’esercitazione Amphex 2011 prendono parte 13 navi, due sommergibili ed oltre duemila marinai, di cui 381 della Landing Force del Reggimento San Marco. Le manovre aeronavali ed anfibie si stanno svolgendo in questi giorni tra il basso Tirreno, lo Ionio e l’Adriatico meridionale.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Brindisi: Haralambides diventa socio del Propeller Club
  2. Pirateria: il Senato pensa alle scorte armate
  3. Porto di Dalian: in mare la portaerei Varyag
  4. A fuoco la Ameland: esercitazione nel porto di Brindisi
  5. Porto di Fano: grazie a Marina dei Cesari diventa snodo per la Croazia

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5775

Scritto da Francesca Cuomo su dic 3 2011. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab