peyrani
Home » Italia, News » Costa interdetta: la Regione Puglia a caccia di una soluzione

Costa interdetta: la Regione Puglia a caccia di una soluzione

Il rischio crollo per la falesia, lungo il tratto di costa brindisina che va dal capoluogo ad Apani, è un problema ancora senza soluzione. Per questo motivo per domani mattina l’assessore regionale alle Opere pubbliche, Fabiano Amati, ha promosso un incontro con il commissario prefettizio Bruno Pezzuto per capire come limitare il rischio di crollo e, allo stesso tempo, come reperire le risorse necessarie.

Il tratto di costa è interdetto dallo scorso aprile in tutte quelle zone, circa il 75% del totale, classificate ed elevato rischio crollo dall’Autorità di Bacino. L’organo regionale, già la scorsa primavera, aveva sottolineato le difficoltà a risolvere il problema in breve tempo ma, nonostante una stagione estiva con lidi privati e spiagge libere interdette a stazionamento e balneazione, la soluzione sembra ancora lontana.

Domani mattina l’assessore Amati concorderà con il commissario prefettizio e con i tecnici comunali una possibile strategia congiunta che possa rimettere in sicurezza la falesia in maniera definitiva.

Francesca Cuomo

Foto: Simone Rella

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Problemi falesia: domani incontro tra Regione Puglia ed enti locali
  2. Costa brindisina interdetta: l’Autorità di Bacino conferma divieti
  3. Costa brindisina interdetta: gli stabilimenti chiedono declassamento del rischio
  4. Costa interdetta a Brindisi. Amati: “Ci sono soluzioni temporanee immediate”
  5. Costa brindisina interdetta: interviene la Regione

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5953

Scritto da Francesca Cuomo su dic 11 2011. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab