Home » Italia, News » Costa Concordia: Foschi conferma che il cambio di rotta non era autorizzato

Costa Concordia: Foschi conferma che il cambio di rotta non era autorizzato

Costa Concordia era uscita dalla rotta prestabilita senza che la compagnia fosse a conoscenza della modifica. Lo ha precisato il presidente e amministratore delegato di Costa Crociere, Pierluigi Foschi. «Tutte le navi di Costa Crociere -ha detto Foschi- sono dotate di allarmi, la rotta si imposta su un computer e il computer la mantiene grazie a dispositivi satellitari.

Se la nave per qualunque ragione esce dalla rotta, vi sono allarmi visivi e uditivi. La rotta di Costa Concordia era stata impostata correttamente alla partenza da Civitavecchia. Il fatto che la nave sia uscita da questa rotta è dovuto soltanto a una manovra non autorizzata e di cui la compagnia non era a conoscenza».

Poi conferma anche che l’iniziativa è stata del comandante Francesco Schettino, ora in stato di fermo deciso dalla procura di Grosseto. Foschi ha aggiunto che non si tratta di «prendere le distanze dal comandante ma di dissociarsi da questa condotta che ha causato l’incidente di cui l’azienda non era a conoscenza».

«Al momento non possiamo valutare se la perdita è totale o se la nave può essere rimessa in esercizio», ha detto Foschi a proposito dell’eventualità di recuperare la nave: in ogni caso bisognerà prima chiudere le falle e poi trainare in porto il relitto.

Soltanto una volta prima del naufragio di Costa Concordia una nave della flotta Costa era passata davanti all’Isola del Giglio, ma solo dopo che la compagnia aveva conosciuto e approvato la rotta. «Tutti i membri dell’equipaggio si sono comportati da eroi», ha voluto precisare infine Foschi.

Francesca Cuomo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=6672

Scritto da su Gen 16 2012. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab