Home » Italia, News » Costa Concordia: anche gli abitanti del Giglio si mobilitano

Costa Concordia: anche gli abitanti del Giglio si mobilitano

Gli abitanti del Giglio sono stati tra i primissimi generosi soccorritori dei naufraghi della Costa Concordia, accolti e ospitati, superando mille difficoltà, nella notte del 13 gennaio nelle ridotte strutture dell’ Isola.

Oggi però tra la popolazione del Giglio è molto preoccupata per le conseguenze che quel disastro potrebbe avere sulla vita dell’isola; innanzi tutto le conseguenze ambientali, con il pericolo dello sversamento in mare di carburante e altre sostanze inquinanti non ancora scongiurato, e poi i pericoli per il turismo.

Gli isolani, infatti, sono preoccupati per le ricadute economiche negative sul turismo della vicenda Costa Concordia, e sono in particolare preoccupati per la possibile permanenza del relitto davanti al porto per i prossimi 7/10 mesi: tanto ci vorrà, secondo il commissario all’emergenza Franco Gabrielli, per rimuovere definitivamente la nave.

I residenti dell’Isola del Giglio si sono dati appuntamento per fondare un comitato che segua la vicenda. «Si informa la popolazione – si legge in un volantino affisso stamane negli esercizi commerciali – che oggi alle 17 presso l’Hotel Bahamas di Giglio porto si terrà un incontro pubblico per discutere la formazione di un comitato cittadino a tutela degli interessi della popolazione gigliese. Auspichiamo la massima partecipazione».

Matteo Bianchi

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Costa Concordia: per Clini il rischio è il carburante in mare
  2. Costa Concordia: Foschi conferma che il cambio di rotta non era autorizzato
  3. Costa Concordia: ritrovato il corpo della sesta vittima
  4. Costa Concordia: per il ministro Clini il problema ambientale è serio
  5. Naufragio Costa Concordia: le scatole nere verranno recuperate domani

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=6933

Scritto da Matteo Bianchi su gen 30 2012. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab