Home » Eventi, News » Porto di Taranto: accordo con Rotterdam

Porto di Taranto: accordo con Rotterdam

Nell’ambito delle proprie strategie volte alla promozione dello scalo e all’implementazione dei traffici, l’Autorità Portuale di Taranto ha intensificato le relazioni con il Porto di Rotterdam ai fini di una fattiva collaborazione con uno dei maggiori porti del mondo, che vanta una movimentazione che supera i 400 milioni di tonnellate all’anno, nonché maggior centro logistico industriale e commerciale d’Europa.

La prima fase di questa partnership sarà realizzata attraverso la sottoscrizione di un Protocollo di Intesa (Memorandum of Understanding – MoU) tra i vertici delle relative Autorità Portuali.

La firma del Protocollo d’Intesa tra l’Autorità Portuale di Taranto ed il Porto di Rotterdam avverrà il 19 aprile p.v. alle ore 17,30 presso la suggestiva “Sala Meridionale” del Castello Aragonese.

All’evento parteciperanno le istituzioni locali e nazionali oltre al Consigliere per gli Affari Economici dell’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi, Mr. Marc Gerritsen.

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: accordo per l’approdo turistico Molo Sant’Eligio
  2. Porto di Taranto: sottoscrizione con università per formazione qualificata
  3. Porto di Taranto: accordo con la Cina
  4. Porto di Taranto: accordo con la Cina
  5. Porto di Taranto: continuano i lavori finanziati dal ministero con 10 milioni di euro

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=8648

Scritto da Redazione su apr 16 2012. Archiviato come Eventi, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab