Home » Internazionale, News » Safe Med II

Safe Med II

Il tema della “sicurezza” marittima, dall’inizio di questo 2012, è al centro di tutti  i convegni e workshop dedicati. La settimana scorsa, l’Agenzia Europea per la sicurezza marittima – EMSA: European Maritime Safety Agency – ha  presentato a Lisbona il SafeMed II Project, con l’obiettivo della identificazione e tracciamento degli itinerari di navi tramite il sistema LRIT (Long Range Identification and Tracking of Ships). Dal 18 ottobre 2011, l’European Maritime Safety Agency (EMSA) ha assunto dalla US Coast Guard, il funzionamento operativo (gestione) del International Data Exchange (IDE), nodo centrale del sistema globale di identificazione e di tracking a lungo raggio di navi LRIT.

A Lisbona, si è passati alla fase operativa; si è parlato dell’architettura del sistema, l’organizzazione, segmento satellitare e le ground stations, oltre agli aspetti legali a cui le varie amministrazioni marittime ed armatori ne saranno soggetti. “Il sistema LRIT è un sofisticato strumento di controllo di navi con numerose applicazioni importanti.

Attraverso l’uso della tecnologia satellitare, il LRIT è in grado di fornire agli Stati le informazioni relative a navi che operano sotto la loro bandiera; a navi che cercano di entrare in un porto del loro territorio, e a navi che operano in prossimità di coste dello Stato”, ha detto il capitano Joseph Zerafa, responsabile ufficiale del progetto SAFEMED II.

Durante il seminario, si è discusso anche del ruolo importante del LRIT a garanzia della sicurezza marittima, soprattutto in casi di missioni di soccorso in mare; come pure in tema di tutela dell’ambiente marino, il LRIT è importante per identificare navi inquinanti e coordinare le missioni di bonifica delle zone di mare inquinate a seguito di incidenti navali. Il progetto Safemed II è stato finanziato dalla UE con un importo di 5,5 milioni di euro al fine di migliorare la cooperazione euromediterranea nel settore della sicurezza marittima e prevenzione dell’inquinamento marino causato dalle navi.

 

Abele Carruezzo© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. La Iss controlla il traffico navale
  2. IMO: il Segretario Sekimizu sul caso Concordia
  3. BIMCO: contratto per l’imbarco di guardie armate
  4. EMSA prende il controllo di LRIT
  5. Maritime and Coastguard Agency and maritime safety

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=9143

Scritto da Abele Carruezzo su mag 9 2012. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab