Home » Internazionale, News » Distretto della Nautica: la Puglia assente dall’AECC

Distretto della Nautica: la Puglia assente dall’AECC

L’Adriatic Economic Cluster Club è una proposta che fu lanciata lo scorso anno. Sebbene positiva nelle intenzioni di sostenere la nascita di cluster nel settore della nautica, rimane il dovere del  “fare-cluster” e con delle difficoltà. Progetto, co-finanziato nell’ambito del Programma comunitario Transfrontaliero Adriatico IPA Adriatic Cross-Border Cooperation Programme, della durata di 36 mesi, avviato nel marzo del 2011, dove ha  coinvolto diversi enti, delle sponde adriatiche, come la Camera di Commercio di Brindisi e di scarso interesse per il Distretto Pugliese della Nautica da diporto.

Non si comprendono le motivazioni, visto che la Regione Puglia è coperta dal mare per circa 800 km di costa; forse distratti dalle tante iniziative messe su “carta”, per cui partecipare ad un “cluster” che mira a realizzare nell’area Adriatico-Ionica la giusta attenzione al settore della nautica e dell’industria navale, interessa poco!

Il progetto, grazie ad una partnership costruita cercando di coinvolgere il maggior numero possibile di territori dell’area adriatica, include soggetti provenienti da Italia, Croazia, Bosnia-Erzegovina, Albania, Grecia e Serbia, costituiti in gran parte da soggetti del sistema camerale, ma anche da agenzie di sviluppo, amministrazioni municipali e reti di imprese nautiche.

La prima fase del progetto, già avviata, prevede la mappatura dei territori coinvolti nel progetto al fine di individuare le reti di impresa esistenti e creare un database delle aziende e dei distretti industriali che operano nei settori produttivi collegati alla filiera nautica, con particolare attenzione ai settori del legno, della meccanica, della plastica del metallo e del tessile. Non è il solito cluster nominale, ma prevede la realizzazione btob e btocredit a supporto di processi strategici per business e soprattutto per la promozione e la fidelizzazione della clientela.

Oggi diventa importante stare insieme ed integrare quelle poche iniziative lungimiranti, che qualche ente riesce a mettere in campo fra le sponde dell’Adriatico, in un periodo di lenta ripresa economica e per implementare ricerche di mercato tra le attività più significative.

Occorre svegliarsi e operare scelte strategiche che possano ridare nuova competitività a tutto il settore della nautica; proporre, come distretto della nautica, “tavoli tecnici” in rappresentanza di tematiche strategiche: ruolo del distretto, rappresentanza, strumenti finanziari a sostegno delle imprese nautiche, internazionalizzazione e competitività, comunicazione distrettuale e marketing, yacht, barche e natanti, turismo nautico, sviluppo della nautica sociale, cultura del mare e promozione della nautica, sviluppo del Salone Nautico di Puglia in tema di sostenibilità ambientale ed innovazione.

 

Abele Carruezzo

Foto: Simone Rella

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Distretto aerospaziale della Puglia: workshop tra Italia e Russia
  2. Distretto nautico della Puglia: oggi accordo con Unioncamere
  3. Distretto della nautica pugliese a Genova: diminuisce il fatturato ma cresce la qualità
  4. Distretto nautico di Puglia: istituzioni e aziende provano a pianificare il futuro
  5. NASCE IL DISTRETTO NAUTICO IN PUGLIA

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=9494

Scritto da Abele Carruezzo su mag 25 2012. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab