Home » Europa, News » Unione Europea: nuovo regolamento per la pesca

Unione Europea: nuovo regolamento per la pesca

Via libera dell’Europarlamento alle misure salva-tonno rosso. I deputati a larga maggioranza hanno voluto imprimere una forte accelerazione alle nuove regole a tutela della specie perchè possano essere adottate prima della stagione di pesca. Si tratta di misure volte a ridurre ulteriormente le catture illegali di tonno rosso nell’Atlantico orientale e nel Mediterraneo e per interventi in favore di attività ittiche più sostenibili.

Inoltre ci sono raccomandazioni anche affinchè a livello regionale si proceda all’identificazione e alla tutela di zone di riproduzione e alla creazione di aree protette e santuari. Le nuove norme si concentrano dunque sulla riduzione delle flotte pescherecce, l’estensione del periodo del fermo pesca per le tonniere con reti a circuizione e il rafforzamento dei controlli, come è stato raccomandato dalla Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dell’Atlantico (Iccat), le cui decisioni devono essere accolte dall’Unione europea ed integrate a livello di giurisprudenza.

Il piano europeo attribuisce un ruolo centrale al sistema dei controlli, imponendo che venga effettuata una registrazione video per ogni operazione di ingabbiamento. E se la stima dell’autorità di controllo regionale e quella dell’imprenditore mostrano una differenza superiore al 10% in termini di peso medio o di numero di esemplari, il pesce in eccesso dovrà essere rilasciato. Gli Stati membri saranno tenuti ad assicurare che i loro organismi di vigilanza nazionali eseguano controlli sull’uso delle reti a circuizione.

In base alle nuove norme, gli Stati membri avranno tempo fino all’inizio del 2013 per adeguare i loro contingenti di pesca alle assegnazioni loro concesse. La stagione di pesca per i pescherecci con reti a circuizione sarà ridotta da due a un mese. Il nuovo piano di ricostituzione riduce anche 13.500 tonnellate a 12.900 il totale ammissibile di catture (Tac) del tonno rosso a livello internazionale. Per questo motivo la Tac assegnata all’Ue è stata ridotta di 7.113,15 tonnellate nel 2010 a 5.756,41 tonnellate, con una riduzione già in vigore nel 2011.

Leggi anche:

  1. Unione Europea: sanzioni iraniane
  2. Unione Europea: lo stop dei pescatori contro le nuove norme
  3. Reti da pesca mortali scoperte nel Pennington Flash
  4. Unione Europea: no all’importazione di prodotti ittici illegali
  5. Bloccata la pesca del tonno rosso

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=9557

Scritto da Redazione su mag 28 2012. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab