Home » Europa, News » Hays Salary Guide 2012: la logistica cerca professionisti

Hays Salary Guide 2012: la logistica cerca professionisti

Parlando di salari, Alessandro Testa, manager di Hays, nel presentare la Guida 2012, ha evidenziato come il settore della “logistica” non sta risentendo della crisi occupazionale in atto nel vecchio continente. In particolar modo, la logistica italiana appare come il settore che riesce a trainare salari ed offrire  interessanti opportunità di lavoro, soprattutto nelle funzioni operative e commerciali.

Testa ha affermato che l’indagine, in ambito Salary Guide 2012, è stata fatta su un campione di 1200 professionisti e 260 aziende; da questa indagine emerge che la “logistica” italiana non ha risentito del clima di incertezze  che ha influenzato altri settori dell’economia internazionale, anche se per quanto riguarda il “salario” si notano forti differenze tra Nord e Sud italiani.

In media, gli stipendi percepiti dai professionisti della logistica al Nord sono superiori del 7% rispetto a quelli del Centro e del Sud. In merito alle nuove opportunità di lavoro, Testa ha detto: “Le compagnie hanno continuato a ricercare professionisti specializzati, in particolar modo focalizzando la propria selezione su figure commerciali ritenute fondamentali per poter ampliare il proprio modello di business”.

“I profili professionali maggiormente ricercati, ha continuato il manager di Hays,  sono quelli appartenenti all’area commerciale (Branch Manager con portafoglio), Oil & Gas (Project Cargo) ed operativi specializzati nel settore marino e aereo. Profili che sono difficili da reperire in Italia”. L’indagine, inoltre, ha messo a fuoco che i requisiti più importanti che vengono richiesti ai candidati sono la conoscenza di una lingua straniera – innanzitutto inglese, ma anche francese, tedesco e spagnolo – e la disponibilità alla mobilità territoriale, anche nei Paesi con le economie in crescita. In questi casi è importante la conoscenza del cinese, russo e portoghese.

D’altra parte, quasi il 79% dei professionisti intervistati sono disposti a lasciare l’Italia. La meta preferita è l’Europa (65%), seguita dal Nord America (17,4%). In tema di incentivi/benefici professionali, per trattenere professionisti in Italia, la maggioranza delle aziende esaminate sono disposte ad offrire l’autovettura aziendale (82,2%), l’assicurazione sanitaria (72,4%) e telefono cellulare (32,2%). La Hays Salary Guide 2012 prevede per il 2012 un aumento della domanda di profili branch manager, commerciali e figure operative molto specializzate. Le aziende vogliono assumere professionisti con una forte formazione per rilanciarsi e conquistare quote di mercato sui concorrenti.

 

Abele Carruezzo

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=10180

Scritto da su Giu 24 2012. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab