Home » Italia, News » Riforma dei Porti: prima dell’estate?

Riforma dei Porti: prima dell’estate?

Nuova governance, un nuovo punto di equilibrio fra le competenze dell’autorità portuale e dell’autorità marittima; più poteri ai presidenti dentro i circuiti portuali; norme più chiare sui piani regolatori, rilancio della logistica, autonomia finanziaria e sistemi tecnici nautici. Questi i nodi da sciogliere per un riordino portuale (modifiche L.84/94) che tenga conto di quello che sta avvenendo nell’Europa del mare e nel mondo marittimo. Questo è quanto si auspicano i partiti che sostengono il governo Monti: Pdl, Pd e Udc  per una riforma portuale che sia anche un po’ europea.

Il sistema portuale italiano, senza dubbio, va rilanciato per sfruttare al meglio tutte le potenzialità infrastrutturali lungo l’intera penisola italiana, piattaforma logistica naturale, protesa  nel Mediterraneo; soprattutto per quanto riguarda i traffici dall’estremo oriente. Per questo, essendo l’Italia ricca di porti, non occorre ridurre le authority, sotto la declinazione inglese della spending review, ma vanno messe a “sistema” per potere essere efficienti/efficaci sia nei servizi marittimi e portuali offerti e per una adeguata valorizzazione delle aeree retroportuali; investendo e valorizzando le nostre ricchezze, per rimanere sul mercato.

Con il decreto sulla riduzione della spesa, approvato ieri, la riforma dei porti potrebbe subire qualche frenata, con una qualche ricaduta sull’intero sistema portuale italiano. Il teorema dei professori tecnici del governo Monti è semplice: applicare restringimenti economici in ambito portuale e revisionare riducendo le piante organiche delle autorità portuali (parecchie precarie) significa non spendere e perciò non applicare nessuna politica di sviluppo portuale; mentre in Europa si fa il contrario! Noi siamo italiani ed accettiamo solo i richiami tedeschi e dell’Europa a rigore economico e con l’avallo dei partiti del Pdl, Pd e Udc. Questa non è economia del mare!

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Assoporti: Piergiorgio Massidda nominato vice presidente dei porti italiani
  2. Porti italiani: si discute anche di spending review
  3. Governo Monti: Decreto Sviluppo, non per i porti?
  4. Porti: autonomia finanziaria minore
  5. Convegno Porti e ambiente: a Brindisi si parla di riforma della 84/94

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=11034

Scritto da Abele Carruezzo su ago 8 2012. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab