Home » Italia, News » Ancora una “Caretta-Caretta” salvata dalla Guardia Costiera e dal WWF di Molfetta

Ancora una “Caretta-Caretta” salvata dalla Guardia Costiera e dal WWF di Molfetta

A seguito di una segnalazione pervenuta presso la sala operativa della Capitaneria di Porto di Molfetta riguardo all’avvistamento di una Tartaruga comune (tipo Caretta-Caretta) a meno di mezzo miglio dalle ostruzioni del porto di Molfetta con evidenti difficoltà natatorie, prontamente interveniva sul posto il battello “G.C.A75” della Guardia Costiera che recuperava la tartaruga portandola in banchina all’interno del porto stesso.

Attraverso il primo intervento di soccorso effettuato dai militari si è riusciti a consegnare l’esemplare di circa 60 kg. e lungo 70 cm. ancora in vita al Centro WWF Recupero Tartarughe di Molfetta. Dall’inizio dell’anno è stato ormai raggiunto il trentaquattresimo rilascio in mare di queste testuggini, dopo il ritrovamento e le lunghe cure del centro recupero, e grazie soprattutto alla stretta collaborazione tra il WWF e la Guardia Costiera locale.

Le tartarughe sono animali onnivori che si nutrono di molluschi, crostacei, gasteropodi, pesci e meduse ma nei loro stomaci viene oramai rinvenuto di tutto, dalle buste di plastica, probabilmente scambiate per meduse, a tappi di plastica, portachiavi ed altri oggetti di plastica pericolosi per gli esemplari (maschi e femmine) che nei mesi di giugno, luglio ed agosto si “ritrovano” per riprodursi al largo delle nostre spiagge.

Anche nell’età adulta le tartarughe muoiono intrappolate nelle reti dei pescatori o con gli ami aguzzi delle canne da pesca così come vengono anche ferite o nella peggiore delle situazioni uccise dalle eliche delle barche a motore, che triturano pinne e carapace. Le tartarughe comuni sono fortemente minacciate, infatti ovunque il numero di nidi è in declino e la cattura accidentale di migliaia di animali ogni anno negli attrezzi da pesca rende la situazione in Mediterraneo davvero preoccupante.

 

Michele Puca

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Bilancio della Guardia Costiera di Molfetta nell’attività mare sicuro di metà agosto
  2. Blitz di Guardia Costiera e Carabinieri: sequestrati tre acquascooter
  3. Capitaneria di Porto di Molfetta: La Guardia Costiera salva una donna suicida
  4. FINCANTIERI SI AGGIUDICA UN CONTRATTO DA $90 MILIONI DALLA GUARDIA COSTIERA AMERICANA
  5. Capitaneria di Porto di Molfetta: salvata una Caretta Caretta

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=11233

Scritto da Michele Puca su ago 22 2012. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab