Home » Europa, News » Unione Europea: le prospettive di “Crescita blu”

Unione Europea: le prospettive di “Crescita blu”

Per poter superare l’attuale crisi economica, l’Europa deve avvalersi del contributo di tutti i settori dell’economia. A tale scopo, in una comunicazione sulla “Crescita blu” adottata ieri a Cipro, la Commissione Ue ha presentato indicazioni promettenti per la crescita dell’economia e le prospettive di occupazione nei settori marino e marittimo per contribuire alla ripresa economica europea.

“Crescita blu” è una strategia a lungo termine volta a sostenere lo sviluppo dei due settori nel loro insieme. Tali settori economici forniscono posti di lavoro per 5,4 milioni di persone e contribuiscono per un valore aggiunto complessivo di circa 500 miliardi di euro che entro il 2020 dovrebbero diventare rispettivamente 7 milioni e quasi 600 miliardi di euro.

Per realizzare questo potenziale – come si precisa in un comunicato -, la Commissione ritiene che gli ostacoli che impediscono la crescita debbano essere rimossi e vadano adottate soluzioni intelligenti in grado di lanciare nuovi settori. Promuovendo la ricerca e l’innovazione marina, sostenendo le PMI innovative, affrontando le necessità in materia di specializzazioni e incoraggiando prodotti e soluzioni innovativi, l’Europa può sbloccare il potenziale di crescita nell’economia blu tutelando la biodiversità e proteggendo l’ambiente. I settori tradizionali come il trasporto marittimo e il turismo marittimo e costiero guadagneranno in competitività. Settori emergenti ed in crescita, come l’energia rinnovabile degli oceani e la biotecnologia blu, possono divenire uno strumento per creare più posti di lavoro, un’energia più pulita e più prodotti e servizi.

La comunicazione di ieri ha avviato un processo che collocherà l’economia blu stabilmente sull’agenda di Stati membri, regioni, imprese e società civile. La comunicazione sulla ‘Crescita blu’ costituirà uno dei principali punti in discussione durante la Conferenza ministeriale di Cipro sulla Politica marittima integrata che si terrà a Limassol il prossimo 8 ottobre.

Leggi anche:

  1. Unione Europea sbarca marittimi filippini
  2. Unione Europea: via lo zolfo dalle emissioni delle navi
  3. Unione europea: le disposizione sulla pirateria
  4. Unione Europea: no all’importazione di prodotti ittici illegali
  5. Unione Europea: Kallas chiede nuovi investimenti sui porti

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=11695

Scritto da Redazione su set 17 2012. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab