Home » Europa, News » Unione Europea: le prospettive di “Crescita blu”

Unione Europea: le prospettive di “Crescita blu”

Per poter superare l’attuale crisi economica, l’Europa deve avvalersi del contributo di tutti i settori dell’economia. A tale scopo, in una comunicazione sulla “Crescita blu” adottata ieri a Cipro, la Commissione Ue ha presentato indicazioni promettenti per la crescita dell’economia e le prospettive di occupazione nei settori marino e marittimo per contribuire alla ripresa economica europea.

“Crescita blu” è una strategia a lungo termine volta a sostenere lo sviluppo dei due settori nel loro insieme. Tali settori economici forniscono posti di lavoro per 5,4 milioni di persone e contribuiscono per un valore aggiunto complessivo di circa 500 miliardi di euro che entro il 2020 dovrebbero diventare rispettivamente 7 milioni e quasi 600 miliardi di euro.

Per realizzare questo potenziale – come si precisa in un comunicato -, la Commissione ritiene che gli ostacoli che impediscono la crescita debbano essere rimossi e vadano adottate soluzioni intelligenti in grado di lanciare nuovi settori. Promuovendo la ricerca e l’innovazione marina, sostenendo le PMI innovative, affrontando le necessità in materia di specializzazioni e incoraggiando prodotti e soluzioni innovativi, l’Europa può sbloccare il potenziale di crescita nell’economia blu tutelando la biodiversità e proteggendo l’ambiente. I settori tradizionali come il trasporto marittimo e il turismo marittimo e costiero guadagneranno in competitività. Settori emergenti ed in crescita, come l’energia rinnovabile degli oceani e la biotecnologia blu, possono divenire uno strumento per creare più posti di lavoro, un’energia più pulita e più prodotti e servizi.

La comunicazione di ieri ha avviato un processo che collocherà l’economia blu stabilmente sull’agenda di Stati membri, regioni, imprese e società civile. La comunicazione sulla ‘Crescita blu’ costituirà uno dei principali punti in discussione durante la Conferenza ministeriale di Cipro sulla Politica marittima integrata che si terrà a Limassol il prossimo 8 ottobre.

Leggi anche:

  1. Unione Europea sbarca marittimi filippini
  2. Unione Europea: via lo zolfo dalle emissioni delle navi
  3. Unione europea: le disposizione sulla pirateria
  4. Unione Europea: no all’importazione di prodotti ittici illegali
  5. Unione Europea: Kallas chiede nuovi investimenti sui porti

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=11695

Scritto da Redazione su set 17 2012. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab