Home » Europa, News » Sud Africa- Città del Capo: IMO nuovo accordo sicurezza navi da pesca

Sud Africa- Città del Capo: IMO nuovo accordo sicurezza navi da pesca

Inizia oggi, a Città del Capo, Sud Africa, la Conferenza Internazionale per esaminare e adottare un accordo per attuare le disposizioni del Protocollo del 1993, relativo alla Convenzione di Torremolinos del 1977 sulla sicurezza delle navi da pesca. Sotto l’egida dell’IMO (International Maritime Organization, agenzia specializzata delle Nazioni Unite, con responsabilità sulla safety e security marittima  oltre alla prevenzione dell’inquinamento marino causato da navi), dal giorno 9 al 11 ottobre, la Conferenza cercherà di modificare le disposizioni tecniche del trattato sulla pesca, con l’obiettivo di renderle applicabili il più presto possibile.

E’ noto che la sicurezza dei pescatori e delle navi da pesca costituisce parte fondante ed integrante del mandato dell’IMO; ma spesso l’iter burocratico di molti Stati Membri  per l’approvazione degli strumenti internazionali in materia di sicurezza delle navi, ostacola l’entrata in vigore della convenzione stessa. La “pesca” in mare rimane un’occupazione pericolosa e il settore, secondo statistiche sugli infortuni sul lavoro, registra un gran numero di perdite di vite umane ogni anno. E proprio per questo, per migliorare gli standard di sicurezza , nel salvaguardare le vite umane, occorre realizzare e rendere obbligatorio un accordo di sicurezza internazionale.

Il progetto di un simile accordo ha come base il Protocollo di Torremolinos del 1993 e si tratterà per consentire una maggiore flessibilità nel soddisfare i requisiti essenziali di sicurezza, attraverso soluzioni alternative ed equivalenti, per essere autorizzati dall’Amministrazione; come ad esempio per quanto riguarda i sistemi di protezione antincendio e di salvataggio, oltre agli apparecchi di salvataggio individuali e di gruppo.

La conferenza, nei tre giorni, esaminerà il progetto di accordo nel dettaglio e deciderà su una serie di disposizioni, tra cui anche l’entrata in vigore dei criteri approvati durante le varie sedute tecniche del Maritime Safety Council (MSC); saranno rivisti anche le esenzioni consentite per alcuni tipologie di navi da pesca, consentite dal protocollo stesso.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Pesca: Europa “approccio comune”
  2. Unione Europea: nuovo regolamento per la pesca
  3. Fincantieri: raggiunto un accordo con Viking Ocean Cruises per la costruzione di due navi da crociera
  4. Volvo Ocean Race: le sei le barche a Città del Capo, fervono i lavori
  5. Africa: tassare la pesca straniera per proteggere quella nazionale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=12031

Scritto da Abele Carruezzo su ott 9 2012. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab