Home » Italia, News » IMU: concessioni aree portuali, si paga?

IMU: concessioni aree portuali, si paga?

Sicuramente non tutti i titolari di concessioni demaniali di aeree portuali sono determinati a pagare l’IMU;  ricorsi in tutta Italia già si affollano presso le Commissioni Tributarie provinciali. I ricorsi di molti titolari di concessioni portuali riguardano alcune ingiunzioni di pagamento anche per gli arretrati a partire dalla “finanziaria” del 2001. Detti ricorsi sono stati prodotti sia all’Agenzia del territorio, sia ai Comuni interessati e rivolti con azioni legali dei singoli terminalisti portuali oppure da gruppi di aziende.

La controversia, parte come abbiamo detto dal lontano 2001, e le successive circolari ministeriali non hanno dato nè chiarimenti e nè certezza sui soggetti “passivi e/o attivi” del diritto concessionario a pagare o meno. In tutta la penisola, Autorità portuali, Amministrazioni comunali e sezioni regionali dell’Agenzia del territorio si sono regolati con una difformità di giudizi e di risoluzioni che è tipica del made in italy. Ed allora: a Genova si procede con ricorsi, in quanto si sono avuti negli anni risoluzioni a pagare in modo alternato, con l’ultima trovata della commissione tributaria del 2010 che non si debba pagare Imu ,ex Ici; mentre per Porto Petroli si paga per le aree coperte e non si paga per quelle scoperte.

A Livorno si paga per gli immobili che presentano “autonomia funzionale e reddituale”; a Trieste molti operatori sono esenti dal pagamento Imu; a Napoli non si paga  né per le aeree coperte e nè per quelle scoperte, in quanto “bene demaniale”. Ne risulta una geografia tributaria molto variegata e differenziata nel diritto concessionario di beni demaniali; un po’ come accade per le RC auto con parametri e tariffe differenziate per un (dovuto) “federalismo” regionale studiato da tecnici ministeriali, con facoltà a sbagliare a seconda del colore politico del Governo e però ad occupare sempre quel posto.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Brindisi: Eni chiede aree per la piattaforma petrolifera
  2. Porto di Brindisi: parte la riqualificazione delle aree portuali urbane
  3. Infrastrutture portuali per i traffici, non per tutti i porti
  4. Le logiche portuali
  5. Giurgola: “Presto accordo con la Marina per aree portuali”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=12332

Scritto da Abele Carruezzo su nov 3 2012. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab