Home » Italia, News » IMU: concessioni aree portuali, si paga?

IMU: concessioni aree portuali, si paga?

Sicuramente non tutti i titolari di concessioni demaniali di aeree portuali sono determinati a pagare l’IMU;  ricorsi in tutta Italia già si affollano presso le Commissioni Tributarie provinciali. I ricorsi di molti titolari di concessioni portuali riguardano alcune ingiunzioni di pagamento anche per gli arretrati a partire dalla “finanziaria” del 2001. Detti ricorsi sono stati prodotti sia all’Agenzia del territorio, sia ai Comuni interessati e rivolti con azioni legali dei singoli terminalisti portuali oppure da gruppi di aziende.

La controversia, parte come abbiamo detto dal lontano 2001, e le successive circolari ministeriali non hanno dato nè chiarimenti e nè certezza sui soggetti “passivi e/o attivi” del diritto concessionario a pagare o meno. In tutta la penisola, Autorità portuali, Amministrazioni comunali e sezioni regionali dell’Agenzia del territorio si sono regolati con una difformità di giudizi e di risoluzioni che è tipica del made in italy. Ed allora: a Genova si procede con ricorsi, in quanto si sono avuti negli anni risoluzioni a pagare in modo alternato, con l’ultima trovata della commissione tributaria del 2010 che non si debba pagare Imu ,ex Ici; mentre per Porto Petroli si paga per le aree coperte e non si paga per quelle scoperte.

A Livorno si paga per gli immobili che presentano “autonomia funzionale e reddituale”; a Trieste molti operatori sono esenti dal pagamento Imu; a Napoli non si paga  né per le aeree coperte e nè per quelle scoperte, in quanto “bene demaniale”. Ne risulta una geografia tributaria molto variegata e differenziata nel diritto concessionario di beni demaniali; un po’ come accade per le RC auto con parametri e tariffe differenziate per un (dovuto) “federalismo” regionale studiato da tecnici ministeriali, con facoltà a sbagliare a seconda del colore politico del Governo e però ad occupare sempre quel posto.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Brindisi: Eni chiede aree per la piattaforma petrolifera
  2. Porto di Brindisi: parte la riqualificazione delle aree portuali urbane
  3. Infrastrutture portuali per i traffici, non per tutti i porti
  4. Le logiche portuali
  5. Giurgola: “Presto accordo con la Marina per aree portuali”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=12332

Scritto da Abele Carruezzo su nov 3 2012. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab