Home » Europa, News » Londra: Consiglio INTERTANKO

Londra: Consiglio INTERTANKO

Nel sottolineare l’importanza dell’industria marittima del petrolio per l’economia mondiale, il Segretario Generale dell’IMO, Koji Sekimizu, parlando al Consiglio dell’Intertanko (International Association of Independent Tanker Owners), ieri a Londra, ha lamentato il mercato “debole” delle navi cisterna per la sostenibilità dello stesso settore: “Senza il settore delle navi cisterna, il mondo non può sopravvivere – e questo è una realtà di fatto”, ha detto. L’occasione di tale incontro è scaturita dalla Maritime Safety Committee dell’IMO (la 91.ma sessione che si è svolta questa settimana a Londra dal 26 al 29 novembre).

L’Amministratore Delegato Intertanko, Katharina Stanzel, nell’aprire i lavori del Consiglio ha continuato: “La sostenibilità del settore delle navi cisterna è un equilibrio tra economia, sicurezza delle navi cisterna, l’ambiente, e le esigenze della nostra società globale che dipende dalla sicurezza del trasporto di prodotti energetici (petroli e lng) essenziali per la sopravvivenza dei popoli. In questo nostro incontro del Consiglio, tutti i membri hanno denunziato che gli operatori delle petroliere (armatori e charter) non possono continuare ad operare con gli attuali livelli e condizioni di trasporto.

La questione della sostenibilità della industria delle navi cisterna dovrebbe essere di dominio pubblico, soprattutto da parte degli Stati interessati”. Tutti i convenuti e dirigenti del Consiglio auspicano l’eliminazione delle distorsioni di questo particolare mercato (contratti di noleggio, assicurazioni, costi del bunker) e zone ad alto rischio di navigabilità (pirateria). L’impegno è di sensibilizzare gli stakeholder del settore, al fine di trovare il modo migliore per gestire la situazione attuale, pur rimanendo impegnati  a mantenere  elevati gli standard di sicurezza e qualità del trasporto stesso.

In particolar modo, Intertanko sta elaborando adeguate trattative con le Compagnie di intermediazione e di noleggio di queste particolari navi, per un impegno futuro operativo anche con le rimanenti parti interessate del settore delle navi cisterna, proprietari ed armatori. Nel chiudere l’incontro, Katharina Stanzel, ha affermato che tutte le criticità del settore saranno prese in considerazione per poter correggere  gli squilibri evidenziati nel corso del tempo.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. RINNOVATO IL CONSIGLIO DELLO YCS
  2. Intertanko: sollecita il Senato americano su acque di zavorra
  3. ASSOPORTI: ALLA RICERCA DI UNA SCELTA UNITARIA, IL CONSIGLIO DIRETTIVO RINVIA L’ASSEMBLEA
  4. TANKER SAFETY
  5. Trivellazioni alle Tremiti: il Consiglio regionale blocca le autorizzazioni

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=12726

Scritto da Abele Carruezzo su nov 30 2012. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab