peyrani
Home » Internazionale, News » Marittimi abbandonati

Marittimi abbandonati

Non se ne parla molto di questo fenomeno, e a volte  passa inosservato, anche se l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO)  ne compila un database di casi di abbandono di navi e di marittimi; e, data l’importanza del ruolo fondamentale del trasporto marittimo, le cifre riportate da queste organizzazioni  non descrivono appieno il fenomeno. Il problema dei marittimi abbandonati nei vari porti del mondo è un forte disagio umano e le Organizzazioni internazionali dovrebbero farsi carico.

Ogni caso di  marittimo abbandonato, lontano da casa e senza i mezzi per tornare, è una storia individuale di difficoltà enorme e la reale portata del problema non è mai stata misurata con precisione. L’abbandono può accadere per una serie di ragioni diverse. Spesso è una decisione economica calcolata da un armatore sull’orlo della bancarotta, l’insolvenza o il sequestro-pignoramento della sua nave da parte dei creditori. In molti casi, le navi vengono abbandonate dopo essere state prima detenute da ispettori dello Stato di approdo e poi dichiarata insicura per quel sito portuale, sia per le persone che per l’ambiente.

E’ vero che la crisi mondiale, prima finanziaria e poi economica, ha colpito duramente alcuni operatori dello shipping, ma spesso sono stati gli equipaggi a sopportarne le peggiori conseguenze. Quando un equipaggio di una nave mercantile viene abbandonato in un porto straniero, si verificano delle situazioni di difficile gestione: riserva di carburante per i generatori che poi termina, scarsità di cibo e acqua. Spesso il proprietario (armatore) della nave non è rintracciabile per imputargli il rispetto del codice internazionale marittimo; altre volte si promettono risoluzioni che non potranno mantenere; a bordo, i marittimi non possono chiamare i propri familiari perché accorto di denari; e quando i tempi si allungano e non vengono pagati da mesi i salari guadagnati, la situazione diventa insostenibile per loro e per le loro famiglie.

La comunità internazionale sta lavorando ad un regolamento di tutela dei marittimi; l’ILO è impegnato a creare una rete di garanzia finanziaria obbligatoria per i marittimi abbandonati, eliminando in tal modo le procedure dell’abbandono di navi  come “case-business” redditizio. Mentre si discute, il fenomeno si modifica a tal punto da generare casi di nuova definizione: “dismissione di navi e di equipaggi a costo zero”. Cioè, i creditori fanno porre sotto sequestro le navi e gli equipaggi vengono segregati a bordo, senza permesso di sbarco; in tal modo sono ostaggi del porto in cui si trovano senza alcun diritto, clandestini in quel Paese e disertori per quello natio. In Italia, sono presenti un buon numero navi sotto sequestro (fonte Inail circa 15) in vari porti e molte di loro sono bloccate da più di un anno.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Il Papa ai marittimi e portuali del mondo
  2. Dalla Malaysia giungeranno ufficiali marittimi
  3. Rosalia D’Amato: rientrati i marittimi
  4. Assicuratori Marittimi discutono di pirateria
  5. Il lavoro usurante dei marittimi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=12717

Scritto da Abele Carruezzo su nov 30 2012. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab