Home » Internazionale, News » Marittimi abbandonati

Marittimi abbandonati

Non se ne parla molto di questo fenomeno, e a volte  passa inosservato, anche se l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO)  ne compila un database di casi di abbandono di navi e di marittimi; e, data l’importanza del ruolo fondamentale del trasporto marittimo, le cifre riportate da queste organizzazioni  non descrivono appieno il fenomeno. Il problema dei marittimi abbandonati nei vari porti del mondo è un forte disagio umano e le Organizzazioni internazionali dovrebbero farsi carico.

Ogni caso di  marittimo abbandonato, lontano da casa e senza i mezzi per tornare, è una storia individuale di difficoltà enorme e la reale portata del problema non è mai stata misurata con precisione. L’abbandono può accadere per una serie di ragioni diverse. Spesso è una decisione economica calcolata da un armatore sull’orlo della bancarotta, l’insolvenza o il sequestro-pignoramento della sua nave da parte dei creditori. In molti casi, le navi vengono abbandonate dopo essere state prima detenute da ispettori dello Stato di approdo e poi dichiarata insicura per quel sito portuale, sia per le persone che per l’ambiente.

E’ vero che la crisi mondiale, prima finanziaria e poi economica, ha colpito duramente alcuni operatori dello shipping, ma spesso sono stati gli equipaggi a sopportarne le peggiori conseguenze. Quando un equipaggio di una nave mercantile viene abbandonato in un porto straniero, si verificano delle situazioni di difficile gestione: riserva di carburante per i generatori che poi termina, scarsità di cibo e acqua. Spesso il proprietario (armatore) della nave non è rintracciabile per imputargli il rispetto del codice internazionale marittimo; altre volte si promettono risoluzioni che non potranno mantenere; a bordo, i marittimi non possono chiamare i propri familiari perché accorto di denari; e quando i tempi si allungano e non vengono pagati da mesi i salari guadagnati, la situazione diventa insostenibile per loro e per le loro famiglie.

La comunità internazionale sta lavorando ad un regolamento di tutela dei marittimi; l’ILO è impegnato a creare una rete di garanzia finanziaria obbligatoria per i marittimi abbandonati, eliminando in tal modo le procedure dell’abbandono di navi  come “case-business” redditizio. Mentre si discute, il fenomeno si modifica a tal punto da generare casi di nuova definizione: “dismissione di navi e di equipaggi a costo zero”. Cioè, i creditori fanno porre sotto sequestro le navi e gli equipaggi vengono segregati a bordo, senza permesso di sbarco; in tal modo sono ostaggi del porto in cui si trovano senza alcun diritto, clandestini in quel Paese e disertori per quello natio. In Italia, sono presenti un buon numero navi sotto sequestro (fonte Inail circa 15) in vari porti e molte di loro sono bloccate da più di un anno.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Il Papa ai marittimi e portuali del mondo
  2. Dalla Malaysia giungeranno ufficiali marittimi
  3. Rosalia D’Amato: rientrati i marittimi
  4. Assicuratori Marittimi discutono di pirateria
  5. Il lavoro usurante dei marittimi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=12717

Scritto da Abele Carruezzo su nov 30 2012. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab