Home » Internazionale, News » IMO : Maritime Safety Committee incorpora le misure adottate dalla CLIA e dalla ECC per la sicurezza marittima

IMO : Maritime Safety Committee incorpora le misure adottate dalla CLIA e dalla ECC per la sicurezza marittima

Saranno incluse nella guida IMO per la sicurezza dei passeggeri e applicate a tutto il settore relativo alle navi da crociera e ro-pax le raccomandazioni adottate volontariamente dal Global Cruise Industry lo scorso febbraio 2012, a seguito del grave disastro occorso alla nave Costa Concordia presso l’Isola del Giglio.

Cruise Lines International Association (CLIA) e la European Cruise Council (ECC) sono soddisfatti della decisione  presa dall’IMO, l’altro ieri a Washington, di approvare e fare proprie le misure raccomandate per la sicurezza del settore delle crociere: riunione obbligatoria dei passeggeri prima della partenza dal porto, di cui alla Convenzione internazionale per la salvaguardia della vita umana in mare (SOLAS).

Questo cambiamento anticipato di regolamentazione dovrebbe essere incorporato in SOLAS, che prevede mandati completi sulle apparecchiature di sicurezza e le procedure per le navi, come recita il comunicato dell’IMO. Tre ulteriori policy nate nell’ambito del progetto Operational Safety Review (OSR), messo in atto dal Global Cruise Industry,  riguardanti il training  per l’imbarco sulle scialuppe da parte dell’equipaggio, la registrazione delle nazionalità dei passeggeri e la condivisione di elementi comuni per esercitazioni e informazioni per la gestione delle emergenze, sono state considerate adeguate per essere incluse nella guida IMO; ad oggi, il progetto OSR ha introdotto dieci nuove procedure che superano gli attuali requisiti normativi internazionali.

Già durante la riunione del Comitato per la sicurezza marittima (MSC) di Londra, questo novembre scorso, come riportiamo in un altro nostro articolo, furono adottate le misure relative alla manovra delle scialuppe di salvataggio da parte dell’equipaggio ed il relativo addestramento eventualmente da certificare. Innovare e formare in materia di sicurezza deve essere un “must” costante del settore delle crociere per garantire sempre più safety  in navigazione e soprattutto migliorando le operazioni di bordo nelle prestazioni di sicurezza. Per l’IMO, conclude il comunicato,  la rassegna delle misure di sicurezza comprende una valutazione completa dei fattori critici umani e gli aspetti operativi di sicurezza marittima e lo sviluppo di best practice globali per l’industria a livello di attuazione.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. CLIA ed ECC: più safety a bordo delle navi passeggeri
  2. Imo chiede norme di sicurezza su crociere
  3. Safety avanzata per MSC-Cruise
  4. Safety-Crociere: approvate le nuove regole
  5. Maritime and Coastguard Agency and maritime safety

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=12803

Scritto da Abele Carruezzo su dic 5 2012. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab