peyrani
Home » Internazionale, News » World Maritime Day 2013 Sustainable development: IMO’s contribution beyond Rio+20”

World Maritime Day 2013 Sustainable development: IMO’s contribution beyond Rio+20”

Durante la prima giornata della 56a. sessione sulla normativa tecnica dell’antincendio, Fire Protection (FP), dell’IMO, il Segretario generale Kojj Sekimizu ha lanciato il tema della giornata marittima mondiale: “Sviluppo sostenibile: contributo IMO oltre Rio +20″ ed ha invitato i governi e le industrie marittime  per una formulazione coerente ed uniforme  di obiettivi di sviluppo marittimo sostenibile. Su questo fronte l’IMO è impegnato, in quanto organismo internazionale delle Nazioni Unite, nella formulazione e nel regolamentare l’intero trasporto marittimo; per questo lo stesso IMO rimane e continua ad essere, il focus e la forza trainante per garantire che l’industria del trasporto marittimo diventi sempre più “verde” e più “pulita”.

“Sono fiducioso che, con questa iniziativa, il tema scelto dal Consiglio IMO per la Giornata Marittima Mondiale 2013, cioè ” Sviluppo sostenibile: contributo IMO oltre Rio +20 “, sarà importante per tutto il settore dei trasporti marittimi in cui IMO e tutte le altre parti interessate, desiderosi di trasformare il concetto di sostenibilità in una realtà tangibile, saranno capaci insieme di dare un contributo positivo “. Il tutto fa seguito agli impegni presi durante la Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile tenutasi a Rio de Janeiro (Rio +20) di giugno 2012. Infatti, il Segretario Sekimizu ha detto che è sua intenzione, per questo inizio 2013, avviare consultazioni su questi obiettivi, relativi proprio allo sviluppo marittimo sostenibile, in vista della preparazione di un documento politico finale, includente un chiaro concetto di sviluppo sostenibile per le industrie marittime e con degli  gli obiettivi reali e non solo intenzioni di buona volontà.

Già una task force, istituita da Sekimizu, ha iniziato a lavorare su otto pilastri attorno ai quali gli obiettivi di sviluppo sostenibile marittimo potrebbero essere impostati, ci riferiamo a: – Cultura della sicurezza e la salvaguardia e tutela dell’ambiente marino; – L’efficienza energetica; – Nuove tecnologie ed innovazione; – Istruzione e formazione marittima; – La sicurezza marittima e azioni di anti-pirateria; – Gestione del traffico marittimo; – Lo sviluppo delle infrastrutture marittime e standard IMO globali. Il trasporto marittimo, essenziale per lo sviluppo e la crescita futura dell’economia mondiale, è importante per l’IMO per cui sarà impegnato a contribuire per promuovere, tramite  la cooperazione tecnica, nei confronti delle Nazioni e Governi  la necessaria sensibilità politica dei trasporti marittimi  in un ampio spettro di sostenibilità.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. ILO: Maritime Labour Convention dal 2013
  2. IMO per il biennio 2012-2013
  3. Integrated maritime policy: il Parlamento Europeo impegna 40 milioni di euro
  4. Maritime and Coastguard Agency and maritime safety
  5. Mediterranean Maritime cooperation

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=13355

Scritto da Abele Carruezzo su gen 14 2013. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab