Home » Internazionale, News » MOL: ok per installare il Water Ballast System

MOL: ok per installare il Water Ballast System

Se ne parla sempre più spesso di sistemi per il trattamento delle acque di zavorra di una nave in navigazione. In un precedente articolo avevamo posto l’attenzione sui sistemi integrati sperimentati dalla JFE Ballast Ace by JFE Engineering Corporation circa la loro affidabilità e flessibilità nei componenti principali. Oggi l’annuncio ufficiale: l’armatore giapponese Mitsui OSK Lines (MOL),   una delle compagnie di navigazione di super petroliere e porta-container più grandi al mondo, ha avuto l’autorizzazione ufficiale dagli organi tecnici competenti ad installare un sistema per il trattamento delle acque di zavorra già pre-costruito e dalle dimensioni tali da essere posizionato come un container a bordo delle navi in una stiva.

Questo sistema innovativo nella tecnologia di trattamento delle water ballast, rappresenta un po’ l’”uovo di Colombo” in quanto ha il vantaggio di ridurre notevolmente i tempi di installazione su di una nave già costruita ed operativa (7/8 giorni), rispetto ad altri sistemi da installare in sala macchine e più ingombranti  Le componenti principali del sistema di trattamento delle acque ed accessori elettrici per il funzionamento sono tutti sistemati in un container da 40 piedi (lungo quasi 13 metri ed alto 2,90 metri), e questo ne facilita la manutenzione e l’accessibilità per il suo controllo, con una capacità di 750 m ³/ h.

Naturalmente il sistema della  JFE Ballast Ace costruito e messo a punto  dalla JFE Engineering Corporation risponde a tutti i requisiti di conformità con la Convenzione IMO – Ballast Water Management Convention- ; l’installazione avrà luogo dal marzo ad aprile prossimi; e per dimostrare la flessibilità del sistema l’installazione avrà luogo durante il periodo in cui la nave, scelta per questa operazione, sarà all’ancora, in attesa delle procedure di carico/scarico.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Water Ballast System per le super petroliere
  2. Navi eco-friendly
  3. Gramillano: “Porto di Ancona presto libero e pronto a diventare water front per la città”
  4. Porto di Ostia: pronto il progetto per il water front
  5. Sistema Telecomunicazioni sul Manchester Ship Canal

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=13642

Scritto da Abele Carruezzo su gen 30 2013. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab