Home » Italia, News » Porto di Brindisi: Brigante chiede attenzione per lo scalo al consiglio regionale e a Passera

Porto di Brindisi: Brigante chiede attenzione per lo scalo al consiglio regionale e a Passera

Una lettera, inviata al Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Corrado Passera, ma anche al governatore Nichi Vendola e al Direttore Generale dei Porti Ministero dei Trasporti Cosimo Caliendo, dal consigliere regionale Giovanni Brigante si trasformerà in mozione e sarà presentata al prossimo consiglio della Regione Puglia.

All’assise Brigante chiederà di avere particolare attenzione per la situazione di grave immobilismo che si registra nello scalo portuale brindisino. “La mia preoccupazione – ha spiegato il consigliere de La Puglia per Vendola -. credo sia condivisa anche dai cittadini. Mi auguro che l’Autorità portuale sia commissariata al più presto”.
Di seguito la lettera inviata lo scorso 27 marzo al ministro Passera.

“Sig. Ministro, Sig. Presidente,
a seguito di continue sollecitazioni da parte degli operatori del porto di Brindisi, sento il dovere di scrivere alle SS. LL. per significare uno stato di sofferenza nella quale versa il territorio da me rappresentato.
L’incertezza che grava sulla figura del Presidente dell’Autorità Portuale di Brindisi, dai più  non riconosciuto nella pienezza delle sue funzioni  e la cui presenza è  connotata da precarietà, è da considerarsi sub judice, ha reso di fatto impossibile la governance interna ed esterna del porto e dell’Autorità Portuale.

La mancata sicurezza di poter portare avanti, con certezza di tempi, programmi e progetti ha posto l’intera organizzazione portuale in una posizione di stallo che impedisce qualsiasi forma di iniziativa e che rende ancora più difficile il futuro di un porto già fortemente compromesso.
L’abulia che sta contraddistinguendo in questi ultimi momenti l’attività propulsiva e amministrativa del Presidente dell’Ente, fa si che quello che poteva essere considerato il volano per il futuro economico di una città, mortificata dall’assenza di lavoro, ristagni sotto una coltre di nebbia che rende impossibile intraprendere una qualsiasi navigazione.

Signor Ministro, Signor Presidente, è necessario che SS.LL. intervengano affinché questa nebbia si diradi e si creino quelle condizioni, anche attraverso decisioni forti (Commissariamento?), perché il porto possa avere una guida certa nei modi e nei tempi.
Il perdurare dell’attuale situazione comporterebbe, infatti, una penalizzazione troppo forte per un porto e per un territorio che, nell’attuale contingenza, ha bisogno di alternative valide che diano speranze all’economia e ai giovani”.

 

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Brindisi: Brigante chiede il commissariamento immediato a Passera
  2. Autorità portuale di Brindisi: Brigante “chiede” Minotauro come commissario
  3. Porto di Brindisi: Haralambides risponde a Tomaselli ma Passera è pronto ad intervenire
  4. Porto di Pescara: Testa chiede incontro al ministro Passera
  5. Regione Puglia: Brigante chiede intervento per Piattaforma logistica a Brindisi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=14576

Scritto da Francesca Cuomo su mar 29 2013. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab