peyrani
Home » Internazionale, News » Mercato anomalo dello shipping: mania ordini navi nuove portacontainer

Mercato anomalo dello shipping: mania ordini navi nuove portacontainer

Nonostante la recessione che ancora sta investendo gli States e l’Europa, alcune navi nuove ordinate di recente saranno consegnate nel 2016; brokers parlano di una nuova impennata negli orders, una vera e propria mania da parte di società armatoriali. I ”perché” non vanno ricercati più nelle variabili fondamentali del mercato, soprattutto in questo periodo di eccesso di capacità; sicuramente questa corsa interessata a ordinare nuove navi portacontainer è motivata da altri fattori fuori dalla “domanda/offerta”: di certo significa che capacità nei traffici est-ovest continuerà a superare la domanda.

Esperti del settore affermano che dietro l’ondata di ordini, vi è la caduta dei prezzi da parte dei cantieri almeno su navi piccole; infatti, le porta container, di ridotte dimensioni, ora hanno un vantaggio competitivo rispetto alle grandi, costano di meno. Ad esempio, navi di 18000 teu che solcheranno i mari nei prossimi anni, pur costando ognuna oltre i 136,6 milioni di dollari, hanno solo il vantaggio della capacità di trasporto e il ridotto consumo di carburante, poiché il costo dei combustibili/viaggio occupa quasi la metà di tutti i costi/viaggio. Per confortare il ragionamento degli esperti, dobbiamo ricordare che il confronto non è puntuale poiché stiamo parlando di due progetti di nave specificatamente differenti. Infatti, non presi in considerazione i motori da installare ed il numero di eliche da adottare per poter stabilire i consumi; oltre alle sistemazioni di bordo (il costo delle guide cellulari su piattaforma) per facilitare le operazioni di carico e migliorarne la sicurezza.

E’ la nuova politica di abbattimento dei prezzi di costruzione delle navi adottata dai cantieri nord coreani (“paghi due o tre navi da 14000 teu al costo di una da 18000 teu”), che ha fatto aumentare la domanda di  nuovi crediti navali alle banche; anche se il credito è tuttavia selettivo per alcune società e tipologie di navi. Ancora, molte nuove costruzioni di navi sono sostenute dallo stato, e in qualche modo le banche vedono i loro prestiti come un “buon debito sovrano” e quindi non ad alto rischio, anche se l’attuale tendenza dell’oscillazione merceologica (consumi in e tassi in diminuzione).

Questo significherà altre difficoltà per il settore navale che per mantenere il flusso di cassa saranno necessarie ipoteche navali di servizio; mentre per i non proprietari di navi, non-owner operators, disponendo di una forte liquidità di denaro, (Costamare, Technomar e Ship Management Capital), sono tornati al mercato ordinando nuove navi in prevalenza sui 9000 teu ognuna e con consegna nel 2015. Comunque, per gli esperti, il settore industriale dei container è dominato da un forte impulso ottimista.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Carburante per il futuro: il dilemma più grande per l’industria dello shipping
  2. Global Marine Trends 2030: il futuro dello shipping nel mondo
  3. L’Africa dello shipping avanza
  4. Moody’s: il futuro dello shipping non è rosa
  5. Nel 2014, pronte 23 nuove navi da crociera

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=16282

Scritto da Abele Carruezzo su lug 2 2013. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab