Home » Italia, News » Porto di Venezia: Orsoni su trasferimento Terminal Crociere a Porto Marghera

Porto di Venezia: Orsoni su trasferimento Terminal Crociere a Porto Marghera

“Abbiamo bisogno di un porto efficiente che guardi al futuro con prospettive di sviluppo serio”: tallonato da moltissimi giornalisti ma anche da tanti veneziani, così ha risposto il Sindaco di Venezia Giorgio Orsoni in merito alla possibilità di trasferimento del traffico crociere a Porto Marghera. Il  tavolo tecnico del 25 luglio previsto a Roma in seno al Ministero dei Trasporti, alla presenza delle istituzioni venete e veneziane, è ormai prossimo: dovranno essere presentate in via ufficiale rotte alternative, come previsto dal decreto Clini-Passera comunemente denominato “anti-inchini”, rispetto a quelle attualmente percorse dalle navi  nella Laguna di Venezia.

Il sindaco Orsoni, dopo aver ottenuto dal consiglio comunale il mandato a rappresentare l’amministrazione comunale al tavolo ministeriale, ha definitivamente ribadito la sua posizione, “impegnandosi a chiedere l’applicazione del decreto interministeriale e al contempo difendendo il porto di Venezia quale risorsa essenziale”:“Guai, afferma Orsoni, se pensassimo di dover rinunciare a quel che il porto commerciale e passeggeri offre alla città di Venezia oggi”.

“Le attività portuali, continua Orsoni, fanno parte di Venezia e dobbiamo ragionare affinchè il porto si sviluppi nel modo più compatibile con la natura della città”: “ la compatibilità non è soltanto un problema dei cittadini ma interessa soprattutto gli imprenditori, gli operatori portuali i quali non possono non guardare avanti nel tempo, stare fermi e non immaginare qualcosa che si può creare in futuro”.

Queste parole continuano a rafforzare il progetto di trasferimento del traffico crocieristico a Porto Marghera, già incluso nel programma elettorale della giunta Orsoni, idea non condivisa dalla comunità portuale veneziana: “ la Marittima è una risorsa che andrà ad esaurirsi e lo sviluppo della futura area metropolitana non potrà che incentrarsi verso la terraferma e verso Porto Marghera”, così afferma Orsoni. Si ha la convinzione tuttavia che la Marittima, secondo le proiezioni dell’amministrazione comunale veneziana, non verrà abbandonata soprattutto alla luce dei recenti investimenti effettuati: tuttavia nel prossimo futuro le navi dovranno essere accolte a Venezia senza che cagionino danni ulteriori all’ecosistema lagunare.

Per quanto concerne l’individuazione di vie alternative di navigazione, “ l’accesso delle grandi navi, secondo il sindaco, potrà avvenire attraverso il Canale dei Petroli fino a Marghera, in luoghi oggi non dedicati alla portualità e senza intaccare le attività stesse, oppure  attraverso canali esistenti fino al Bacino di San Marco per le navi di minor cabotaggio”. Le possibilità di navigazione alternativa, a quanto pare, ci sono, vanno esplorate e analizzate senza il bisogno di scavare ulteriori canali che possano compromettere ulteriormente l’idraulica nella laguna. Riuscirà la compagine istituzionale veneziana, nella seduta al tavolo tecnico del 25 luglio, a limitare ed evitare attriti con l’imprenditoria portuale e con le forze sociali?

 

Stefano Carbonara

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. TERMINAL CROCIERE DI VENEZIA : NO AL TRASFERIMENTO A PORTO MARGHERA
  2. Comitato Cruise Venice scrive al sindaco Orsoni
  3. PREFETTURA DI VENEZIA E FINCANTIERI FIRMANO UN PROTOCOLLO DI LEGALITA’ PER LO STABILIMENTO DI MARGHERA
  4. Porto di Venezia: lunedì accordo per Marghera
  5. Nuovo Terminal Crociere Isonzo 2: mercoledì l’inaugurazione

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=16660

Scritto da Stefano Carbonara su lug 23 2013. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab