Home » Italia, News » IMO: il Segretario Generale saluta l’entrata in vigore della Convenzione sul lavoro marittimo

IMO: il Segretario Generale saluta l’entrata in vigore della Convenzione sul lavoro marittimo

Il 20 agosto 2013 la Convenzione sul lavoro marittimo, la MLC 2006, è entrata in vigore e subito si registra l’approvazione dell’International Maritime Organization. Ieri, il Segretario Generale dell’IMO, Sig. Koji Sekimizu, in un suo comunicato ha detto: “L’entrata in vigore della Convenzione MLC segna un progresso efficace nel riconoscimento dei ruoli dei marittimi e la necessità di salvaguardare il loro benessere e le loro condizioni di lavoro. Questo è un punto di riferimento davvero importante per la gente di mare, e per l’intero shipping, su cui l’economia mondiale si basa”.

La Convenzione MLC, come abbiamo scritto in altri precedenti articoli, è stata ratificata da 48 paesi, e mira a realizzare un ambiente di lavoro dignitoso per i marittimi del mondo e sicurezza di qualità con interessi economici per gli armatori in concorrenza leale. In realtà, la MLC 2006 è considerata il “quarto pilastro” tra le normative marittime più importanti che regolano il processo del trasporto marittimo internazionale ed integra le altre tre convenzioni adottate dall’IMO: la convenzione internazionale per la salvaguardia della vita umana in mare (SOLAS), la convenzione internazionale per la prevenzione dell’inquinamento causato da navi (MARPOL) e la convenzione internazionale sugli standard di addestramento, certificazione e tenuta della guardia per i marittimi (STCW).

Queste tre convenzioni dell’IMO sono state adottate nel 1970 e sono state ratificate da più di 150 Paesi, in rappresentanza di oltre il 99% della flotta mercantile mondiale. IMO e OIL hanno una lunga storia di cooperazione su questioni che rientrano nelle competenze di entrambe le organizzazioni, nella misura in cui si riferiscono alla gente di mare – continua il Segretario Sekimizu nel suo comunicato – e hanno stabilito comuni gruppi di esperti ad hoc su temi quali la durata dell’orario di lavoro e di riposo, gli esami medici della gente di mare, giusto trattamento dei marittimi in caso di incidente marittimo, e di responsabilità e di risarcimento per quanto riguarda i casi di morte, lesioni personali e abbandono dei marittimi.

Inoltre, ha aggiunto Sekimizu, la Convenzione STCW dell’IMO è stata rivista nel 2010 e comprende ora le disposizioni pertinenti per le esigenze della Convenzione sul lavoro marittimo come “ore di lavoro e di riposo”, giusto per evitare sovrapposizioni. Da rilevare che appena la settimana scorsa la Gran Bretagna aveva ratificato la MLC 2006.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Convenzione per il lavoro marittimo: nuove norme in vigore dal 20 agosto 2013
  2. ITALIA: convenzione sulla pesca da ratificare
  3. ILO: Grecia e Finlandia firmano la Convenzione sul lavoro marittimo; e l’Italia?
  4. 25 Giugno 2012: Giornata Internazionale del Marittimo
  5. IMO: il Segretario Sekimizu sul caso Concordia

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=17130

Scritto da Abele Carruezzo su ago 22 2013. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab