Home » Italia, News » FEDERPETROLI ITALIA: INDOTTO PETROLIFERO IN STALLO

FEDERPETROLI ITALIA: INDOTTO PETROLIFERO IN STALLO

Dopo la polemica che nelle ultime settimane ha toccato l’argomento inerente la grande disponibilità di idrocarburi nel sottosuolo della Basilicata, FederPetroli Italia invita a non dimenticare tutte le zone con possibili potenziali di idrocarburi (petrolio e gas) presenti in Italia, sia a terra che in mare (Onshore ed Offshore).

E’ il Presidente della FederPetroli Italia – Michele Marsiglia che si inserisce nella vicenda ricordando che <<E’ da anni che continuiamo a lottare per far capire alle regioni e a parte della popolazione che nella nostra amata terra c’è un grande potenziale energetico con piena sostenibilità ambientale, ancora da sfruttare. E’ inutile continuare a lottare e polemizzare sulla Basilicata, sappiamo che ancora oggi la Regione rappresenta un grande giacimento di risorse energetiche ed ancora un numero considerevole di Progetti di Esplorazione Idrocarburi fanno fatica a decollare.

E’ necessario prendere in considerazione in Italia gli investimenti stranieri che rischiano di essere vanificati, come l’importante Progetto “Ombrina Mare” a largo delle coste abruzzesi, concessioni onshore ed offshore in Puglia, i progetti in Sardegna per non parlare di altre regioni come Piemonte, Lombardia, Veneto, Marche e Sicilia, mentre la Grecia, Montenegro, paradisi ambientali come le Seychelles e l’Islanda pubblicano gare aperte a tutte le aziende petrolifere per nuove esplorazioni. Si pensa sempre – continua Marsiglia – che trivellare ed esplorare nuovi giacimenti petroliferi sia un attentato, questo è solo il frutto di una ignoranza in materia, dove non si dà possibilità di spiegazione. Il danno che stiamo subendo è impressionante, abbiamo le aziende che hanno paura di montare un impianto di perforazione, per poi stare mesi fermi, per non parlare di tutta la parte della ope! ratività di un cantiere a terra o messa in mare di una piattaforma, ed i Progetti restano su carta con milioni spesi e buttati al vento>>.

Continua Marsiglia <<Nessun paese al Mondo pensa di rinunciare a scoprire e produrre le proprie risorse di drocarburi, questo sta avvenendo solo in Italia, con il pretesto dell’ambiente, pur sapendo che questo settore e di gran lunga il più affidabile in termini di sicurezza, capacità tecnologica nonchè attenzione all’ambiente.

Alla riapertura dei lavori parlamentari chiederemo alla Commissione Ambiente del Senato di essere ascoltati sul proseguimento dell’Affare Assegnato n.52 (Ricerca ed Estrazione Idrocarburi in mare) e forse riusciremo a dare una più completa e chiara spiegazione del patrimonio energetico, industriale ed occupazionale che in Italia stiamo perdendo>>.

Leggi anche:

  1. FEDERPETROLI ITALIA: TRASPARENZA NEL MONDO PETROLIFERO
  2. CECCATO S.p.A., una cordata con FederPetroli Italia per salvare l’azienda vicentina
  3. FederPetroli Italia: Vendola aiuta crisi. Forte ostruzionismo sull’economia petrolifera
  4. FederPetroli Italia: dichiarazioni nulle, nessuna correlazione terremoti/trivellazioni
  5. FederPetroli: SHELL nel Vallo di Diano – Istanza “Monte Cavallo”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=17341

Scritto da Redazione su set 4 2013. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab