Home » Italia, News » Assemblea del Propeller Club Port Venice: dalle crociere al commerciale l’incerta rotta del porto di Venezia

Assemblea del Propeller Club Port Venice: dalle crociere al commerciale l’incerta rotta del porto di Venezia

Mentre procedono i lavori del Mose con la chiusura fino ad Aprile  delle bocche di porto di Lido e, successivamente, del canale Malamocco San Leonardo, penalizzando così gravemente il traffico crocieristico e commerciale, gli operatori chiedono chiarezza sul futuro della portualità lagunare veneta.

Grandi infrastrutture  , logistica e la crisi del porto di Venezia. E’ questo il leit motive che caratterizzerà i meeting del 2014 dell’International Propeller Club Port of Venice  e che vedranno tra i relatori i massimo esponenti del cluster marittimo italiano. E’ questo, in sintesi quanto annunciato  dal CD nel corso dell’assemblea generale tenutasi a Mestre presso l’hotel Best &Western con i rappresentanti di imprese di spedizione, agenzie e mediatori marittimi, piloti ed esponenti del mondo dell’industria.

“Mentre il porto sta perdendo navi e traffici – ha esordito il presidente Massimo Bernardo – gli operatori  vogliono  sapere quale sarà il destino del porto alla luce dei grandi progetti di Porto offshore, delle reti TEN , di quelli relativi all’alta velocità, dell’escavo del nuovo canale Contorta Sant’Angelo per il traffico passeggeri  e del ruolo dell’aeroporto Marco Polo come terzo gate intercontinentale italiano”.

I cinque meetng programmati nei prossimi mesi si apriranno con una vera e propria “radiografia” dei fattori di crisi che penalizzano lo sviluppo della portualità lagunare veneta con particolare riguardo alla difficile situazione finanziaria del porto di Venezia. A febbraio sarà affrontato il tema del posizionamento del porto veneziano rispetto ai porti concorrenti dell’Adriatico e del Mediterraneo con un interclub che vedrà presenti i porti di Ravenna,Chioggia, Venezia,Monfalcone, Trieste, Capodistria e Fiume con i rappresentanti di Confitarma, Federagenti e Fedespedi.

A marzo si parlerà invece del ruolo dell’aeroporto di Venezia nel’ambito del sistema aeroportuale del nord est e delle varie problematiche del traffico sia merci e passeggeri rispetto alla crescente domanda di voli di linea e lowcost.Ad aprile si ritorna ai problemi del porto con particolare riguardo allo stato di crisi ed alla produttività delle varie imprese terminalistiche che operano in porto e alla loro specializzazione nell’ambito di quel virtuale range del sud Europa denominato NAPA.

Temi di grande attualità che , in attesa della riforma della legge sull’ordinamento portuale oggi in discussione, sono anche espressione del profondo disagio di tante categorie di lavoratori e imprenditori oggi preoccupati per l’assenza di una chiara strategia che riporti la portualità  tra i fattori di sviluppo dell’economia nazionale.

Leggi anche:

  1. Porto di Venezia: nel 2013 traffico diminuito del 3,7%
  2. Porto di Venezia: Orsoni su trasferimento Terminal Crociere a Porto Marghera
  3. TERMINAL CROCIERE DI VENEZIA : NO AL TRASFERIMENTO A PORTO MARGHERA
  4. Porto di Genova: crescono traffici crociere e oli minerali
  5. Propeller Club Port of Venice chiede all’Italia nuove strategie diplomatiche e commerciali

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=18488

Scritto da Redazione su nov 14 2013. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab