Home » Italia, News » INNOVATION CHALLENGE: AL VIA LA FASE OPERATIVA

INNOVATION CHALLENGE: AL VIA LA FASE OPERATIVA

Nell’ambito di Innovation Challenge, l’iniziativa di Open Innovation promossa da Fincantieri insieme alla Scuola Politecnica dell’Università di Genova, a distanza di soli due mesi dall’avvio dell’iniziativa sono state presentate oggi le sei idee progettuali selezionate fra le oltre quaranta pervenute.

A illustrare i risultati della fase di valutazione sono stati Aristide Massardo, Preside della Scuola Politecnica, per Fincantieri Alberto Maestrini, Direttore navi militari, e Massimo Debenedetti, Responsabile ricerca e innovazione, e Sandro Scarrone, Presidente e Amministratore delegato di CETENA – Centro per gli studi di ricerca di tecnica navale.

Innovation Challenge si pone come il primo esempio nel suo genere in Italia, profondamente innovativo sia sul piano del processo che su quello degli obiettivi. L’investimento di Fincantieri, che supererà i 500 mila euro complessivi, si rivolge ai docenti e ai ricercatori della Scuola Politecnica dell’Università ed è finalizzato alla selezione di progetti di innovazione tecnologica navale destinati all’industrializzazione.

La controllata di Fincantieri CETENA, nella funzione di “ponte” tra il mondo industriale e quello accademico che riveste abitualmente, in questa occasione ha collaborato alla valutazione dei progetti, ha coordinato le molteplici attività del processo e presidierà la fase di industrializzazione.

La valutazione delle proposte ha privilegiato la qualità scientifica e tecnologica, la validità degli obiettivi e l’impatto dei risultati in termini di futura applicazione su prodotti e processi di Fincantieri. Dopo una call for ideas tra i 5 dipartimenti della Scuola Politecnica di Genova, ha preso quindi avvio la fase operativa dell’iniziativa. Le sei proposte individuate riceveranno da parte di Fincantieri un finanziamento di 15.000 euro ciascuna per tradursi in progetti di ricerca industriale entro i prossimi tre mesi. Tra questi sei progetti, i due che saranno ritenuti più interessanti sotto il profilo dell’innovazione saranno sostenuti e finanziati ulteriormente con 200 mila euro ciascuno, e saranno condotti fino alla fase di industrializzazione.

La cooperazione tra azienda e ateneo è focalizzata sulla valorizzazione delle migliori idee provenienti dall’Università, per giungere a innovazioni di prodotto sui temi chiave per la competitività di Fincantieri. I principali campi in cui si sono sviluppate le proposte selezionate sono stati infatti l’impatto ambientale, l’efficienza energetica, la riduzione dei costi operativi, il comfort, la qualità percepita e la riduzione dei costi di allestimento.

Innovation Challenge si pone nel quadro di una serie di iniziative promosse da Fincantieri nel campo dell’Open Innovation, un modello di collaborazione tra imprese e strutture di ricerca che si è affermato negli ultimi anni soprattutto nei settori a più alto tasso di innovazione, come ICT e Biotech, e nei paesi più avanzati dal punto di vista tecnologico.

A ulteriore dimostrazione dell’impegno volto a consolidare la propria posizione competitiva sul mercato attraverso una costante innovazione di processo e di prodotto, nel 2012 il Gruppo ha investito in attività di ricerca, innovazione e sviluppo 62 milioni di euro, pari al 2,6% dei ricavi.

Leggi anche:

  1. La Barca Laboratorio di Lecco Innovation Hub fa il suo debutto
  2. FINCANTIERI E L’UNIVERSITÀ DI GENOVA INSIEME PER L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA NAVALE
  3. Minervini: “L’accordo su Taranto apre la fase del rilancio”
  4. SINGAPORE SURVIVAL THROUGH INNOVATION: Prospettive nello Shipping
  5. Sotto l’egida del MIUR: accordo di partnership Fincantieri – CNR

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=18705

Scritto da Redazione su nov 29 2013. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab