Home » Europa, News » UE guida gli sforzi internazionali contro la pirateria nel 2014

UE guida gli sforzi internazionali contro la pirateria nel 2014

Mentre il numero degli ostaggi dei pirati da più di 700 nel 2011 si è ridotto a una cinquantina di oggi, l’Unione europea è fortemente impegnata a portare questo numero a zero: a zero navi e zero marittimi nelle mani dei pirati somali è l’obiettivo del Gruppo di contatto. Dall’1 gennaio 2014 l’Unione europea ha assunto la presidenza del Gruppo di contatto sulla pirateria al largo della Somalia (CGPCS); l’incarico durerà un anno e presidente è stato nominato Maciej Popowski, vice segretario generale del Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE).
Dopo il 2013 a presidenza degli Stati Uniti, il Gruppo di contatto lavorerà di concerto con la Commissione europea per tutto il 2014. “Gli attacchi dei pirati lo scorso anno sono scesi del 95%, ma la lotta contro la pirateria non è ancora vinta;‘fondamentale’ che la comunità internazionale continui a lavorare insieme a debellare la pirateria e consolidare le conquiste che abbiamo già fatte”. Questo è quanto ha affermato l’Alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Vicepresidente Catherine Ashton, all’atto del passaggio di consegne avvenuto l’altro giorno.

L’UE auspica di lavorare con tutte le parti interessate nella regione e con la comunità internazionale per portare la lotta contro la pirateria somala alla fine. Quest’obiettivo riflette il quadro strategico e obiettivo più ampi fissati durante la Conferenza su un New Deal per la Somalia a Bruxelles il 16 settembre 2013. L’eliminazione della pirateria potrà essere raggiunto solo sul suolo somalo e con il popolo somalo, ma la comunità internazionale deve mantenere alta l’attenzione e lo slancio di cooperazione.

Come presidente della CGPCS l’UE, ha concluso Popowski, non bisogna perdere di vista il costo umanitario della pirateria, per cui equipaggi dirottati e marittimi che sono stati presi in ostaggio hanno sofferto di più. Ricordiamo che il Gruppo di contatto sulla pirateria al largo delle coste della Somalia (CGPCS) è stato istituito il 14 gennaio 2009 ai sensi della risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite 1851 (2008) per facilitare il coordinamento delle azioni tra più di 60 Stati e le organizzazioni per la lotta contro la pirateria al largo delle coste della Somalia.

Fin dalla sua creazione, i CGPCS attraverso un maggiore coordinamento e condivisione delle informazioni tra gli Stati, del settore privato (ad esempio l’industria di trasporto, compagnie di assicurazione) e le organizzazioni non governative hanno contribuito a una notevole riduzione del numero di attacchi di pirati e dirottamenti.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Pirateria: Nato e UE lanciano appello
  2. Ban Ki-Moon: “Più impegno comune contro i pirati”
  3. David Cameron e la pirateria somala
  4. Pirateria: La Russa propone scorta armata
  5. Pirateria a Puntland: il sostegno di Mantica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=19327

Scritto da Abele Carruezzo su gen 12 2014. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab