Home » Europa, News » UE impone alla navi da crociera il rispetto della legge su emissioni di zolfo

UE impone alla navi da crociera il rispetto della legge su emissioni di zolfo

Le navi da crociera sono sottoposte alla direttiva europea in base alla quale, le navi passeggeri che effettuano servizi di linea da o verso qualsiasi porto dell’Ue, non possono utilizzare nelle acque territoriali degli Stati membri, combustibili per uso marittimo con un tenore di zolfo superiore all’1,5% in massa. Lo stabilisce una sentenza della Corte di giustizia Ue emessa oggi, in risposta al Tribunale di Genova, per una causa tra la Compagnia di crociere Msc e la capitaneria di porto del capoluogo ligure.

Nel 2008, la Capitaneria di Porto di Genova, ai sensi della direttiva Ue 1999/32, aveva elevato una sanzione amministrativa al comandante della Msc Orchestra (battente bandiera panamense) dopo aver accertato che la nave stava utilizzando, in porto, dei combustibili per uso marittimo di un tenore di zolfo superiore all’1,5%.

Comandante e Msc hanno proposto opposizione facendo riferimento ad un allegato della Convenzione Marpol, sostenendo come la Msc Orchestra, sulla base di questa, fosse legittimata ad utilizzare combustibili con un tenore di zolfo inferiore al 4,5%, in un porto di un altro Stato contraente dello stesso protocollo. Inoltre secondo i ricorrenti, la direttiva Ue 1999/32 e il decreto legislativo che la recepisce, si applicano solo alle navi che fanno “servizi di linea”, e le navi da crociera non rientrerebbero tra queste.

Il Tribunale di Genova – al quale la compagnia ha chiesto di annullare la sanzione ricevuta – si è rivolto alla Corte di giustizia per sapere se una nave da crociera rientri nell’ambito di applicazione della direttiva 1999/32 con riferimento al criterio dei “servizi di linea”. Secondo la direttiva 1999/32, una nave passeggeri assicura servizi di linea se effettua “una serie di traversate in modo da assicurare il collegamento tra gli stessi due o più porti”, oppure “una serie di viaggi da e verso lo stesso porto senza scali intermedi”.

E la Corte Ue chiarisce che, “una nave da crociera che effettui traversate con scali intermedi che colleghino due porti distinti o si concludano nel porto di partenza, assicura un collegamento tra gli stessi due o più porti ai sensi di detta disposizione”.

Leggi anche:

  1. Carnival Cruise Lines: quanto devono essere grandi le navi da crociera?
  2. Unione Europea: via lo zolfo dalle emissioni delle navi
  3. Porto di Brindisi: in arrivo altre due navi da crociera
  4. Porto di Genova: navi da crociera a Portofino
  5. Parlamento Ellenico: pronta legge per imbarcare guardie armate su navi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=19553

Scritto da Redazione su gen 26 2014. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab