Home » Italia, News » Ferito sulla nave Etna: Ministero della Difesa condannato a risarcire

Ferito sulla nave Etna: Ministero della Difesa condannato a risarcire

Applicare le norme sulla sicurezza nei posti di lavoro in ambito militare ha permesso ad un marinaio brindisino, di 30 anni, di ottenere un risarcimento dal Ministero della Difesa di circa 80mila euro. Il Tar di Lecce ha condannato, in qualità di datore di lavoro, il Ministero riconoscendo il danno procurato e le lesioni permanenti testimoniate dalle perizie mediche.

La storia risale al 2005 quando un nocchiere in servizio sulla nave Etna della Marina militare è caduto da un’altezza di quattro metri: il marittimo stava eseguendo le operazione di monitoraggio delle pastecche utilizzando, per gli spostamenti, una seggiovia. Durante uno spostamento ha dovuto sganciare il moschettone per passarlo aldilà di un passamano e, rimasto senza alcuna protezione, è scivolato.

Nella caduta ha riportato una frattura alle costole e al polso: traumi che, dopo mesi di cure e riabilitazione, sono stati riconosciuti dal Comitato di verifica per le cause di servizio del Ministero dell’Economia come provocati proprio da quella caduta e successivamente, nel 2010, anche incompatibili con le sue mansioni. In sostanza il nocchiere, pur idoneo al servizio, non ha più potuto mantenere le sue mansioni.

L’avvocato brindisino Carmela Lo Martire, con sentenza del Tar di Lecce, ha dimostrato i danni subiti dal nocchiere presentando una domanda di risarcimento . “L’incidente ha indubbiamente causato un pregiudizio all’attività fisica del ricorrente con un’incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato”, come si legge nella perizia.

Dunque il legame tra la caduta e i danni subiti è stato riconosciuto anche dai giudici al pari di una qualsiasi causa tra dipendente e datore di lavoro. Si tratta di uno dei pochi casi in cui la Difesa è stata condannata per cause di questa tipologia. Secondo i giudici, però, in questo caso specifico il Ministero non è riuscito a dimostrare di aver adottato ogni misura necessaria a prevenire l’incidente: “risultano, nel caso di specie, assenti specifici accorgimenti (ad esempio: doppia cintura di sicurezza, presenza di un secondo operatore) idonei ad evitare l’infortunio effettivamente occorso”, si legge nel dispositivo. Mentre è stata ritenuta del tutto inutile la giustificazione motivata dall’assenza pregressa di infortuni, addotta dalla Difesa.

 

Salvatore Carruezzo

 


© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Giachino: “Ricostituire il Ministero del Mare”
  2. Il Ministro Clini firma il Piano operativo di difesa del mare e della costa
  3. Difesa delle coste: accordo tra Regione e Provincia di Lecce
  4. Pesca in Adriatico: il 9 novembre incontro tra Ministero e Regioni
  5. Marevivo torna in difesa di coralli e squali

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=19649

Scritto da Salvatore Carruezzo su gen 31 2014. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab