Home » Italia, News » Porto di Brindisi: la Capitaneria avvia il nuovo sistema informatico “P.M.I.S. 2” web

Porto di Brindisi: la Capitaneria avvia il nuovo sistema informatico “P.M.I.S. 2” web

Si rende noto che presso l’Autorità marittima di Brindisi è in corso l’implementazione dei sistemi informatici afferenti il c.d. “Port management information system” – versione 2 che, oltre a standardizzare la gestione del traffico navale in ambito approdi comunitari, ha il pregio di snellire, a regime, la burocrazia delle corrispondenze di carattere amministrativo tra i soggetti privati e le pubbliche amministrazioni interessate. Da subito consentira’ poi agli operatori marittimi di dialogare con questa capitaneria di porto prevalentemente in via telematica in modalità single windows, con discendenti intuibili vantaggi per l’utenza.

Tale attivita’ rientra a pieno titolo nell’alveo degli indirizzi della comunita’ europea  volti a garantire la maggior sicurezza dei traffici navali ed annessa tutela del personale navigante e dell’ambiente marino e costiero, favorendo, nel contempo, la concorrenzialita’ dei porti degli stati membri in termini di snellimento delle procedure amministrative a vantaggio della maggior efficienza.

Il programma in questione registra quali attori primari il ministero delle infrastrutture e trasporti, il Comando generale del corpo delle Capitanerie di porto-Guardia costiera e le relative articolazioni periferiche locali, che si avvalgono per gli aspetti ingegneristici del R.t.i. Selex divisione sistemi informatici, anche ai fini dell’indottrinamento del cluster marittimo, alle nuove e piu’ efficaci procedure.

Difatti, gia’ nel corso della corrente settimana si sono tenuti appositi seminari informativi presso la sala conferenze della locale Autorita’ portuale, atti ad illustrare l’iniziativa generale e le finalita’ prefissate, mentre la settimana p.v. sara’ avviato l’on job training all’interno dei locali di questo comando, in favore del personale delle agenzie marittime, dei principali armatori di zona, dei rappresentanti delle societa’ terminaliste e di altri soggetti interessati.

Dopo un congruo periodo sperimentale, condiviso con l’utenza, si utilizzera’ prossimamente solo  tale sistema, che tra l’altro sara’ obbligatorio per tutti i restanti porti europei a decorrere dal 1 giugno 2015, consentendo così agli utilizzatori di rivolgersi, a regime, all’Autorita’ marittima quale unico soggetto interlocutore, in luogo delle attuali diverse pubbliche istituzioni con cui relazionarsi.

Leggi anche:

  1. Ammaraggio forzato in mare al largo di Brindisi: esercitazione della Capitaneria di porto
  2. Capitaneria di porto di Brindisi: sequestri e denunce a piede libero presso il porto di Villanova di Ostuni
  3. Capitaneria di porto di Brindisi: altro sbarco di clandestini
  4. Porto di Brindisi: controlli della Capitaneria
  5. Capitaneria di porto di Brindisi: il bilancio del 2011

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=19646

Scritto da Redazione su gen 31 2014. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab