Home » Italia, News » IMO: approvata la “guida” alla certificazione di sicurezza per i marittimi

IMO: approvata la “guida” alla certificazione di sicurezza per i marittimi

Dopo l’approvazione delle modifiche di Manila alla Convenzione Internazionale sulle norme relative alla formazione, certificazione e tenuta della guardia per i marittimi (STCW Standards of Training, Certification and Watchkeeping) ed il relativo codice, l’IMO ha emesso una specifica “guida”.

Si tratta di una guida operativa per la formazione e certificazione per gli ufficiali di sicurezza della nave (Ship Security Officer) e marittimi con compiti attinenti alla sicurezza; tale guida è necessaria per risolvere le difficoltà pratiche che i marittimi incontrano per aggiornare la propria certificazione  agli emendamenti di Manila.

La guida raccomanda che entro il 1° luglio 2015 la formazione dovrà essere pertinente ed adeguata (cioè formazione, addestramento ed esercitazioni per la sicurezza della nave) e riguarderà tutti i marittimi designati a svolgere compiti di security a bordo di navi ed operatori degli impianti portuali (Codice ISPS); la formazione dovrà essere fatta presso i Centri di Formazione per marittimi accreditati dall’Amministrazione dello Stato e la certificazione del corso dovrà rispettare la Convenzione STCW e relativo Codice.

La “guida” IMO è stata approvata dal Sub-Committee on Human Element, Training and Watchkeeping (HTW), riunitosi per la prima sessione dell’anno dal 17 al 21 febbraio 2014; il sub-comitato ha espresso la propria preoccupazione per il gran numero di marittimi che dovranno essere autorizzati dalle compagnie di navigazione a frequentare i corsi di formazione in materia di sicurezza, in conformità con le norme STCW, al fine di ottenere la relativa certificazione. Il Sub-Comitato ha approvato anche una circolare STCW che riguarda i consigli operativi per gli Ufficiali delle Autorità Marittime dello Stato di approdo delle navi per effettuare i dovuti controlli e le azioni da intraprendere nei casi in cui i marittimi non abbiano la certificazione richiesta a norma del regolamento VI/6 della Convenzione STCW sezione A-VI/6 paragrafi 4 e 6 del Codice STCW già operativa da questo 1° gennaio 2014.

Ricordiamo che l’Italia, con il decreto del 3 dicembre 2013, (G.U. n. 290 del 11.12.2013), del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, ha istituito e disciplinato il corso di formazione e addestramento per il personale marittimo designato a svolgere compiti di security. Finalmente, la sicurezza viene considerata come un valore aggiunto all’interno dei servizi che deve fornire sia una nave, in navigazione, in porto o all’ancora, e sia una infrastruttura portuale pubblica o privata, per valorizzare al meglio la affidabilità dell’uso (nave e/o porto e/o banchina) da parte dell’utenza dei traffici commerciali e/o turistici, aumentandone sul mercato il valore economico della struttura stessa.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Clia: impegno alla sicurezza nel settore crocieristico
  2. Unione Europea sbarca marittimi filippini
  3. Confitarma: D’Amico chiede più sicurezza in mare contro i pirati
  4. Porto di Venezia: richiesta certificazione Iso
  5. I marittimi Albanesi si adeguano alle norme IMO

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=20142

Scritto da Abele Carruezzo su mar 1 2014. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab