Home » Italia, News » THESi: innovazione continua per un mare di cose da fare

THESi: innovazione continua per un mare di cose da fare

Il Centro di Alta Formazione per l’addestramento dei marittimi di Mola di Bari, la Thesi, si e’ dotato di altri simulatori. Questa mattina ha avuto inizio la formazione  di sicurezza per la gestione di carichi liquidi pericolosi in rapporto al loro trasporto via mare (chimichiere, gasiere e petroliere ); tali nuovi corsi sono diretti ad ufficiali e  sottoufficiali di navi cisterna, a salvaguardia dell’ambiente volta a limitare scarichi a mare.

Il Comandante Simone Quaranta, dirttore del centro, nell’augurare un buon lavoro a tutti gli ufficiali intervenuti, ha evidenziato come sia importante la presenza di un tale centro non solo per il meridione d’Italia, ma per tutto lo shipping, settore in cui deve e dovra’emergere sempre l’eccellenza. Il corso pilota sara’ condotto da tecnici esperti informatici provenienti da San Pietroburgo coadiuvati da esperti formatori Thesi; i problemi relativi agli sforzi di carico e di stabilita’ di queste navi saranno evidenziati dal prof. Abele Carruezzo.

In futuro questi corsi mirano a garantire una moderna formazione ed addestramento nel campo del trasporto di merci pericolosi, via mare, nel rispetto delle nuove norme IMO-Solas.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=20461

Scritto da su Mar 17 2014. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab