Home » Italia, News » Costa Concordia:dopo il naufragio spesi 1,5 miliardi di euro

Costa Concordia:dopo il naufragio spesi 1,5 miliardi di euro

Da un euro, quello pagato a Costa dal consorzio Saipem-San Giorgio del Porto per avere il relitto, a un miliardo e mezzo, la stima della spesa complessiva sostenuta dalla compagnia di navigazione a causa del naufragio. Attorno alla Concordia non ci solo storie drammatiche, imprese ingegneristiche, operazioni “impossibili da pensare”, ma anche numeri sorprendenti.

Nel miliardo e mezzo speso a causa del naufragio, ci sono anche i danni commerciali e la perdita della nave che era costata 450 milioni di euro ed è stata rimborsata alla compagnia dalle assicurazioni per 380 milioni di euro. La rimozione e il ripristino ambientale al Giglio è di 893 mila euro. Con le compensazioni ai passeggeri feriti e ai familiari delle vittime si arriva a 1,16 miliardi. La rimozione del relitto è costata 447 milioni a vantaggio di Titan-Micoperi. Per la demolizione serviranno 100 milioni. La spesa generata dal progetto è di 610 milioni di euro, di cui 370 spesi in Italia.

La stima del pil generato dal progetto di recupero è di 765 milioni. E tra i numeri che caratterizzano la Concordia ci sono anche quelli ‘anagrafici’ della nave, che per anni è stata la più grande in navigazione: uno scafo lungo 298 metri, largo 36 e con 114 mila tonnellate di stazza. Sono 22 i mesi necessari per lo smantellamento del relitto. Mille il numero degli addetti che saranno impegnati nella demolizione.

Leggi anche:

  1. Naufragio Costa Concordia: il Wwf chiede maggiore trasparenza sulle operazioni di rimozione del relitto
  2. Concordia: Costa patteggia un milione di euro
  3. Costa Concordia: la rimozione del relitto sul web
  4. COSTA CONCORDIA: ASSEGNATA A FINCANTIERI COMMESSA PER LA COSTRUZIONE DEI “CASSONI”
  5. Naufragio Costa Concordia: le scatole nere verranno recuperate domani

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=23110

Scritto da Redazione su lug 30 2014. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab