Home » Italia, News » Costa Concordia: venerdì 28 a Ravenna un convegno nazionale sul recupero

Costa Concordia: venerdì 28 a Ravenna un convegno nazionale sul recupero

RAVENNA – Un teatro per raccontare una grande impresa di mare e di ingegneria. L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna organizza per l’intera giornata di venerdì 28 novembre, al teatro Alighieri di Ravenna, il convegno sul tema “Le opere di ingegneria nel recupero della Costa Concordia: incontro con i protagonisti”.

A circa quattro mesi dal recupero del relitto della nave, l’intento dell’incontro è quello di raccontare una serie di aspetti che sono stati nascosti dalle cronache, facendo parlare tutti i principali protagonisti della complessa e spettacolare azione, seguita dai media di tutto il mondo. Un intervento di portata straordinaria: mai era stata rimossa, in passato, una nave di queste dimensioni e in una situazione tanto critica. Il convegno intende anche evidenziare il fatto che buona parte del lavoro di ingegneria necessario all’esito positivo dell’operazione è stato un lavoro di team, svolto da imprese e professionisti ravennati e romagnoli.

“E’ stata una grande sfida, accettata dall’imprenditoria  dall’ingegneria italiana, e portata a termine conseguendo un successo di livello mondiale – . sottolinea Emma Garelli, presidente provinciale dell’Ordine degli Ingegneri -. Una grande impresa che può dare forza non solo al nostro settore, ma anche a tutto il Paese, soprattutto in un momento come questo in cui serpeggia un certo senso di sfiducia nel sistema-Italia. L’operazione di recupero è stata il risultato di un project management che ha aggregato società e consulenti: tutti hanno lavorato assieme, concorrendo all’esito positivo”.
Prima fra tutte la Micoperi srl, l’impresa ravennate che si è aggiudicata la gara per i lavori di recupero grazie al progetto denominato “Parbuckling”. Silvio Bartolotti, presidente e amministratore delegato dell’azienda, sarà pertanto il relatore d’apertura del convegno (dopo i saluti introduttivi delle autorità), e metterà particolarmente in evidenza le modalità con cui l’idea proposta dall’impresa è riuscita a vincere la concorrenza dei progetti americani che pure concorrevano al bando per il recupero della Costa Concordia.

Una proposta che si è basata sull’esperienza pluriennale di Micoperi legata all’off shore, e che ha permesso l’impegno di eccellenze e professionalità nostrane, un team che è stato impegnato durante le operazioni in mare che hanno portato al sollevamento della nave dal fondale dell’isola del Giglio.

“E’ stata un’avventura in cui la Micoperi si è buttata nella consapevolezza che servisse una realtà italiana per raggiungere l’obiettivo – spiega Bartolotti -. Siamo stati bravi a lavorare con concentrazione, 24 ore su 24, per due anni abbondanti: e non nego che quando finalmente la nave si è sollevata, anche molti degli ingegneri si sono commossi fino alle lacrime”.

“Finora si è parlato della nave Concordia – ha aggiunto  l’ingegner Garelli –con una visione che non ha dato importanza all’opera di ingegneria posta alla base di questo successo. A seguito di un incidente terribile si è riusciti a fare interventi per evitare un disastro ben peggiore che poteva riguardare ambiente e persone”.

Il tema della giornata sarà anche la qualità di queste opere, che dovevano garantire il massimo della sicurezza operativa ma anche il risultato. Conclude Emma Garelli: “Per questa operazione sono state adottate azioni innovative con sistemi classici. La creatività ed esperienza dei nostri ingegneri ha consentito di utilizzarle in modo di arrivare al successo le operazioni di raddrizzamento e ri-galleggiamento del relitto. E’ stato un uso intelligente e creativo di ciò che la tecnologia metteva a disposizione che dimostra come l’ingegneria non sia un sistema statico e chiuso, ancorato a certi sistemi”.  Nel corso della giornata verranno anche mostrati un video inedito della Micoperi che riassume le fasi salienti dell’operazione, e un centinaio di foto della fotografa bolognese Serena Galvani – concesse gratuitamente in occasione del convegno – scattate dal Giglio nell’arco dei due anni.
Il convegno è rivolto prevalentemente agli ingegneri, e fornisce 8 crediti professionali; l’iscrizione on line scade il 27 novembre, e ad oggi sono già registrati oltre 500 iscritti, provenienti da ogni parte d’Italia.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=25498

Scritto da su Nov 24 2014. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab