Home » Europa, News » UE: armatori europei ancora contro la commissione europea

UE: armatori europei ancora contro la commissione europea

BRUXELLES – Il contrasto tra armatori europei e la Commissione sul monitoraggio delle emissioni di CO2 prodotte da navi si fa duro. Forti dubbi sono stati espressi da parte della European Community Shipowners Association (ECSA) e dalla International Chamber of Shipping sulla proposta di monitoraggio dell’UE e la rendicontazione e verifica (MRV) delle emissioni di carbonio prodotte da navi.

La parte controversa del regolamento che andrà in Parlamento UE per l’approvazione, riguarda la richiesta di informazioni sul carico, le regole da applicare in attesa che l’IMO emetta delle norme internazionali, ed altri parametri per individuare l’indice di efficienza operativa obbligatoria per le navi da carico. “ Questo  potrebbe essere utilizzato dai governi per imporre sanzioni pecuniarie alle navi, a prescindere dal loro consumo di carburante ed emissioni di CO2 effettive “, ha detto il segretario generale ICS, Peter Hinchliffe.

Ricordiamo che la proposta di monitoraggio, rendicontazione e verifica UE è stata adottata provvisoriamente e si applica alle navi sopra le 5000 tonnellate in arrivo e in partenza da porti comunitari, indipendentemente dalla bandiera; tale proposta andrà in Parlamento UE per essere votata e probabilmente andrebbe in vigore nel 2018. Mentre il segretario generale dell’ECSA, Patrick Verhoeven, ha sottolineato: “Non siamo preoccupati per quanto riguarda l’affidabilità e a riservatezza dei dati, così come le responsabilità di rendere i reporting obbligatori, ma avremmo preferito rinviare l’inserimento dei dati sul carico fino ad un raggiungimento di un accordo internazionale in sede IMO e sollecitiamo la commissione UE per uno strumento di monitoraggio delle emissioni prodotte da navi che sia uguale per tutti gli Stati membri per una raccolta globale di dati IMO”.

Il contrasto è evidente, poiché l’adozione imminente di un regime comunitario regionale potrebbe essere non compatibile con la istituenda convenzione internazionale sulle emissioni gas serra IMO.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Armatori europei delusi delle trattative sui siti di refueling di LNG
  2. Monitoraggio della CO2
  3. Unione Europea: le regole per rottamare le navi
  4. Porto di Ancona: per Commissione europea è core network
  5. Unione Europea: lo stop dei pescatori contro le nuove norme

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=25690

Scritto da Abele Carruezzo su dic 2 2014. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab