Home » Europa, News » UE: un master sullo spazio marittimo europeo

UE: un master sullo spazio marittimo europeo

BRUXELLES – Per l’Europa il programma di promozione dello sviluppo dei trasporti marittimi è da considerarsi prioritario. Per questo, nell’ambito del programma TEN-T dell’Unione Europea saranno stanziati circa 1,5 milioni di euro per cofinanziare progetti universitari a vari livelli sul trasporto marittimo multimodale.

Il programma sarà rivolto ai laureati e ai professionisti dei vari settori della catena dei trasporti  per consentire l’acquisizione di specifiche competenze nel settore dei trasporti marittimi e della logistica. I temi proposti saranno quelli dei combustibili e le tecnologie alternative, l’impatto sui porti, la logistica, il contenimento dei danni in casi di sinistri marittimi in porto, all’ancora e in navigazione, le operazioni di gestione delle evacuazioni/crisi per le navi passeggeri di grandissima capacità e la loro influenza sulle operazioni portuali.

A tale progetto, partecipano diverse università, imprese di trasporto marittimo, imprese informatiche ed organizzazioni europee che in sinergia hanno impostato un simile master di perfezionamento post-laurea per una certificazione adeguata di sviluppo professionale continuo che andrà ad approfondire il concetto di “spazio marittimo europeo”.

Al fine di rendere più completo detto master, saranno inclusi sottoprogrammi di istruzione e formazione professionale realizzati da Centri per la formazione marittima accreditati. Le università che partecipano al progetto sono: la University of Strathclyde di Glasgow (Regno Unito), l’Universidad Politécnica di Madrid (Spagna), la National Technical University di Atene (Grecia) e l’Università degli Studi di Genova (Italia). Si sperava in una più vasta partecipazione di università italiane, in particole di quelle situate in aree marittime più meridionali e a vocazione mediterranea. Il finanziamento del progetto avrà l’assistenza di esperti esterni nell’ambito delle proposte TEN-T e di “Autostrade del Mare”; è noto che il programma TEN-T è stato creato dalla Commissione europea per sostenere la costruzione e il miglioramento dell’infrastruttura dei trasporti in tutta l’Unione europea.

Il progetto del master deve essere ultimato entro dicembre 2015 e l’intero programma sarà monitorato dall’INEA, l’Agenzia esecutiva per l’innovazione oltre a gestire l’attuazione tecnica e finanziaria del programma TEN-T e le reti della Commissione europea.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. UE: crescita ed occupazione nel settore marittimo
  2. FINCANTIERI: AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DEL MASTER CRUISE AND YACHT INTERIOR DESIGN
  3. OCSE: preoccupata per traffico marittimo merci
  4. Porto di Brindisi: lunedì convegno sullo sviluppo dei porti in Europa
  5. Il settore marittimo inglese naviga in acque agitate

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=26003

Scritto da Abele Carruezzo su dic 18 2014. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab