Home » Italia, News » Dispositivo anti-inquinamento in mare: firmato accordo Marina Militare – Dipartimento della Protezione Civile

Dispositivo anti-inquinamento in mare: firmato accordo Marina Militare – Dipartimento della Protezione Civile

ROMA – Da tempo la Difesa mette a disposizione della tutela ambientale le proprie eccellenze: da oggi Marina Militare e Dipartimento della Protezione Civile sono impegnati a studiare e sviluppare un dispositivo per le bonifiche delle acque marine da rifiuti solidi e liquidi.

S.A.U.R.O – Sea  Antipollution Unit for Rapid Off-shore drainage, questo il nome del dispositivo – è stato brevettato dal Dipartimento della Protezione Civile ed è stato ideato per contribuire a rendere più semplici le operazioni di recupero di inquinanti e rifiuti dispersi in mare, essendo in grado di separare e recuperare rifiuti solidi e liquidi.

Il sistema è in grado di recuperare materiali di varie dimensioni, da particelle sub-millimetriche fino a oggetti misurabili in metri, non solo in superficie ma anche ad alcuni metri di profondità. Può essere utilizzato in condizioni meteomarine avverse e a velocità superiori a quelle dei normali skimmer.
Dipartimento della Protezione Civile e Marina Militare, con l’accordo firmato, si pongono l’obiettivo di individuare le possibili applicazioni per trovare la soluzione più efficace a risolvere un problema, quello dell’inquinamento marino, che ogni giorno mostra le sue conseguenze.

Il dispositivo è stato testato lo scorso 16 dicembre, utilizzando un modello realizzato dal Dipartimento di Scienze della terra dell’Università di Firenze in scala 1:50, e montato su un modello di nave rimorchiatore della stessa scala, solitamente usato in assistenza alle piattaforme petrolifere.

Nell’occasione è stato mostrato come il sistema – piuttosto semplice dal punto di vista tecnologico e realizzabile con costi contenuti – sia molto versatile, tanto da poter essere utilizzato da diversi modelli di nave.

Leggi anche:

  1. UNHCR: pieno successo della Marina Militare italiana
  2. Lisbona accoglierà altre due edizioni della Volvo Ocean Race, firmato un accordo fino al 2018
  3. MARINA MILITARE: CAMBIO AL COMANDO DELLA SQUADRA NAVALE
  4. Volvo Ocean Race: tutti arrivati, le barche sulla nave per il dispositivo anti-pirateria
  5. Tirrenia: accordo firmato e lavoratori salvi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=26384

Scritto da Redazione su gen 13 2015. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab