Home » Internazionale, News » World Shipping Council: rimandare la convenzione sul trattamento delle acque di zavorra

World Shipping Council: rimandare la convenzione sul trattamento delle acque di zavorra

BRUXELLES – Ancora manca l’approvazione di alcuni Stati membri delle Nazioni Unite circa la Convenzione internazionale sul trattamento e gestione  delle acque di zavorra di una nave, predisposta dall’IMO (Ballast Water Management Convention). Per il Presidente del Consiglio mondiale dello shipping, Mr. Koch, è il caso di aspettare prima di renderla operativa, anche in assenza di un condiviso regolamento sul  trattamento e la gestione delle acque di zavorra.

Per il WSC non esiste ancora una tecnologia per trattare le acque di zavorra di una nave accettata a livello globale, per cui molte Società di navigazione sono caute prima di intraprendere qualsiasi investimento per l’installazione a bordo delle loro navi di tali sistemi. “Norme che richiedono molti miliardi di dollari di investimenti e che dovrebbero inoltre fornire certezza circa i sistemi tecnologici, sugli standard di installazione e di funzionamento corretto nel rispetto delle norme, ancora non ci sono”, ha detto Koch. La Convenzione, sostanzialmente, entrerà in vigore solo quando  Singapore e Giappone riusciranno a ratificare il trattato per l’adozione.

Il problema del trattamento e gestione delle acque di zavorra è serio per tutte le navi, in particolar modo per le tanker ship; infatti gli armatori di queste navi potrebbero affrontare enormi capitali in tecnologia per il trattamento, ma che potrebbero essere insufficienti a soddisfare gli obblighi normativi, trattandosi navi complesse per le operazioni commerciali (carico e scarico di prodotti liquidi alla rinfusa).

Per cui, se la Convenzione entrerà in vigore prima di trovare in commercio dei sistemi tecnologici di trattamento e di gestione delle acque di zavorra accettabili, e prima di rivedere alcuni punti delle Linee guida dell’IMO, gli armatori si troverebbero di fronte  ad un obbligo giuridico (installazione della tecnologia disponibile) che non potrebbe soddisfare gli standard della Convenzione o con l’installazione non  accettabile in alcuni Stati, come gli USA, e con sanzioni da parte della US Coast Guard in arrivo e/o partenza da quei porti.
Abele Carruezzo© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. 2nd IMarEST Ballast Water Technology Conference
  2. International Chamber of Shipping: misure ambientali devono essere economicamente sostenibili
  3. MOL: ok per installare il Water Ballast System
  4. Intertanko: sollecita il Senato americano su acque di zavorra
  5. La Convenzione delle UN: anche la Svezia e la Spagna

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=27031

Scritto da Abele Carruezzo su feb 14 2015. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab