Home » Italia, News » Porti: sciopero nazionale di 24 ore dei lavoratori dei porti per il 6 marzo

Porti: sciopero nazionale di 24 ore dei lavoratori dei porti per il 6 marzo

ROMA – I sindacati del settore dei trasporti e del lavoro portuale non ci stanno ad essere “rottamati”  dal Governo Renzi, e così hanno proclamato lo sciopero nazionale di 24 ore dei lavoratori dei porti per il prossimo 6 marzo. Le segreterie nazionali di Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti denunciano che “è preoccupante la diatriba di competenze tra Ministero dei Trasporti e Ministero dello Sviluppo Economico.

Infatti il Disegno di legge ‘Concorrenza’, redatto dal Ministero dello Sviluppo Economico e pronto per essere presentato nel Consiglio dei Ministri del 20 febbraio prossimo, sconvolge l’attuale sistema di regole presente nei porti con gravi ricadute sociali. Contemporaneamente,  il Ministero Infrastrutture e Trasporti sta preparando la propria ‘riforma’ della legge 84 del 1994 senza consentire ai sindacati di partecipare in maniera costruttiva e tenendoli all’oscuro circa i contenuti”.

Secondo le tre sigle sindacali dei trasporti “il sistema di regole vigente nei porti va mantenuto in quanto garantisce stabilità e qualificazione del lavoro, sicurezza di tutti gli addetti, della navigazione e dell’utenza e l’attuale regolamentazione dei servizi tecnico nautici è garanzia per la sicurezza nei nostri scali”. I sindacati temono che con la paventata abrogazione delle  imprese articolo 17 di fornitura di lavoro temporaneo si determinerebbe un pericolosissimo liberismo alla pari di quanto è già accaduto nella filiera della logistica terrestre, con le conseguenti ricadute sul piano occupazionale, sulla qualità dei servizi e della sicurezza.

Infine, i sindacati tornano a sollecitare una soluzione all’erronea applicazione del decreto legge 78 del 2010 ai dipendenti delle autorità portuali, applicazione che, nonostante le recenti modifiche apportate dalla legge di Stabilità, continua a penalizzare i lavoratori. Per i porti italiani i prossimi giorni saranno interessati da” mare forza sette”.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Ancip: convegno sul futuro dei porti italiani
  2. Nencini: “Piano nazionale dei porti entro marzo 2015”
  3. Sciopero dei portuali: siamo ad una svolta?
  4. SERRACCHIANI: “SCIOPERO DEI PORTUALI E’ SINTOMO DI EMERGENZA NAZIONALE”
  5. Sindacati confermano sciopero dei lavoratori del porto per l’ 8 novembre

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=27185

Scritto da Abele Carruezzo su feb 19 2015. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab