Home » Italia, News » Porto di La Spezia: accordo per monitorare emissioni delle navi

Porto di La Spezia: accordo per monitorare emissioni delle navi

LA SPEZIA – Stamattina è stato sottoscritto un Protocollo d’Intesa tra Capitaneria di porto, Ufficio delle Dogane ed Autorità portuale della Spezia, per il controllo del tenore di zolfo dei combustibili utilizzati dalle navi in porto, che rappresenta un esempio di unità d’intenti sul controllo delle emissioni in atmosfera dai fumaioli delle navi.

La crescita dei traffici crocieristici e delle dimensioni delle navi portacontenitori ha indotto la Capitaneria di porto, d’intesa con l’Agenzia delle Dogane e l’Autorità Portuale, a verificare, attraverso analisi effettuate presso il Laboratorio Chimico delle Dogane di Livorno, la qualità dei combustibili utilizzati dalle navi all’ormeggio che, in base alle vigenti norme, deve avere un tenore di zolfo non superiore allo 0,1% in massa.

Il Presidente dell’Autorità Portuale, Lorenzo Forcieri ha ringraziato la Capitaneria di Porto e l’Ufficio delle Dogane per l’iniziativa. “Abbiamo aderito molto volentieri a questo protocollo che pone l’attenzione su uno dei temi legati alla sostenibilità ambientale delle attività del porto a cui siamo da sempre molto attenti e sensibili. Sia il monitoraggio dell’acqua e dell’aria effettuato in collaborazione con gli enti preposti, sia la continua ricerca per ottenere le migliori soluzioni tecnologiche che hanno come obiettivo la mitigazione degli impatti connessi all’operatività dello scalo, costituiscono per il nostro ente un impegno costante”.

Non nasconde la propria soddisfazione il Comandante della Capitaneria di Porto, Enrico Castioni, sottolineando che “l’accordo siglato oggi anticipa di molti mesi a livello nazionale l’applicazione di una norma comunitaria che diventerà obbligatoria dal prossimo anno. La Capitaneria di porto, istituzionalmente chiamata a svolgere anche controlli ambientali, ha trovato nell’Ufficio delle Dogane e nell’Autorità portuale referenti attenti e sensibili rispetto ad una questione che sta molto a cuore della comunità spezzina”.

Il Direttore dell’Ufficio delle Dogane della Spezia Elvio La Tassa, ha posto l’accento sulla positiva sinergia tra le Amministrazioni dello Stato che “consolida il modus operandi che da tempo vede l’Ufficio delle Dogane, e gli altri organi impegnati sul fronte delle attività di prevenzione, monitoraggio e repressione dei comportamenti illeciti, potenziando l’attività di analisi dei rischi e di controllo nel porto della Spezia”.

Leggi anche:

  1. Porto di La Spezia: il ministero approva il bilancio
  2. Autorità portuale di Savona: accordo con Costa per ridurre emissioni delle navi da crociera
  3. Porto di Napoli: parte lo sdoganamento in mare delle merci
  4. Porto di La spezia: Forcieri annuncia l’arrivo di navi da 16 mila Teu
  5. Porto di La Spezia: al via progetto per sdoganamento pre clearing

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=27211

Scritto da Redazione su feb 20 2015. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab