peyrani
Home » Europa, News » Il futuro dei porti sarà SMART

Il futuro dei porti sarà SMART

AMBURGO – La conferenza di quest’anno dell’International Association of Ports e Harbours  (IAPH) si terrà ad Amburgo nei giorni dal 1 al 5 giugno prossimi patrocinata dall’Autorità Portuale di Amburgo (HPA). Rappresentanti del cluster marittimo internazionale, delegati  del mondo economico, finanziario, politico e della ricerca scientifica e tecnologica  si troveranno a discutere temi di grande interesse per trasporto marittimo mondiale.

L’intera programmazione della conferenza verterà sul concetto di “Smart Port”. Durante i cinque giorni i delegati partecipanti affronteranno le modalità con cui sia Amburgo e l’intera Europa intendono gestire le relazioni/connessioni  per un porto intelligente del futuro. Il presidente dell’Autorità portuale di Amburgo, Jens Meier,  illustrerà la infrastruttura/e  IT (Information Technology)  che rende il trasporto marittimo più smart con l’obiettivo di realizzare flussi economici e logistici più efficienti e sostenibili.

Dall’Australia interverrà l’analista di trasporti terrestri Michael Pal dell’Autorità portuale di Fremantle illustrando alcune performance sull’automazione dello smistamento e controllo di camion lungo le direttrici di in/out  i gate dei terminal portuali. Sarà affiancato nelle varie prove smart dai rappresentanti di Stoccolma, Valencia e dell’Estremo Oriente che risponderanno a domande pratiche su ciò che rende un porto uno “Smart Port”.

Per quanto riguarda la ricerca nel campo dell’architettura navale e tecnologia dei materiali di costruzione delle navi, la conferenza si occuperà della domanda di sviluppo delle dimensioni della nave e se esiste un limite alle dimensioni-nave oltre il quale le portate e la disponibilità di stiva non cresceranno; forse siamo alla fine del gigantismo navale? Le relazioni di apertura sui temi riguardanti gli sviluppi economici globali e trend futuri saranno tenute dal Segretario generale della International Chamber of Shipping di Londra (ICS), Peter Hinchliffe, e dal Direttore dell’Institute of International Economics (HWWI) di Amburgo, Christian Growitsch.

L’Associazione internazionale dei porti vanta 200 AP regolarmente iscritte relative a 90 Paesi, con l’obiettivo di promuovere gli interessi dei porti a livello globale attraverso la forza delle relazioni,la collaborazione e la condivisione dei programmi fra i vari membri iscritti.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Il futuro dei porti del Mediterraneo parte da Olbia
  2. Ancip: convegno sul futuro dei porti italiani
  3. Propeller Club Port of Brindisi discute di porti smart
  4. Smart port: I nostri porti saranno “Smart” al 30 giugno 2014? Convegno del Propeller Club di Brindisi
  5. Il futuro è delle navi smart

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=28756

Scritto da Abele Carruezzo su mag 1 2015. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab