Home » Internazionale, News » IMO discute di flussi migratori marittimi

IMO discute di flussi migratori marittimi

RODI – Il problema dei migranti che i popoli del Mediterraneo e non solo stanno vivendo è sicuramente di difficile risoluzione e con orizzonti non del tutto chiari. Basti ricordare la forte differenza che esiste tra i termini “emigrante” e “migrante”; la differenza non riguarda solo la “e”.

L’Italia non ha dimenticato i propri emigranti nelle Americhe e Australia  in cerca di lavoro tra fine‘800 e inizio del novecento; oggi, invece, si tratta di migranti che fuggono dalle guerre, dalla fame, dalle malattie e quindi abbandonando le terre natie portano con se la propria lingua, le proprie tradizioni culturali, sociali e religiose e che difficilmente saranno capaci di una integrazione con una Europa secolarizzata e soprattutto laicizzata.

La questione dei migranti via mare, tra cui i flussi migratori marittimi nel Mediterraneo, Sud-Est asiatico, al largo dell’Australia e nei Caraibi è stata all’ordine del giorno di una tavola rotonda con l’IMO, Hellenic Coast Guard e giuristi dell’Università Internazionale di Tulane che si è tenuta ultimamente a Rodi a cura dell’Istituto Athena. Frederick Kenney, per conto dell’International Maritime Organization, ha sottolineato la difficile sfida che tale fenomeno sociale impone all’IMO e all’intero shipping che oltre a salvaguardare navi, equipaggi, merci e ambiente marino sono impegnati a soccorsi e recuperi continui migranti marittimi.

L’argomento è stato affrontato soprattutto dal punto di vista del diritto marittimo in seno al programma di studio che la Tulane University Law School sta dedicando alla legge del mare ed all’ocean management fino al prossimo 5 giugno 2015, grazie all’impegno del rettore Gunther Handl. Rodi vanta una tradizione culturale sulle questioni marittime, inclusa la sua antica e leggendaria “Legge del Mare”.

Abele Carruezzo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=29565

Scritto da su Mag 30 2015. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab