Home » Italia, News » MARINA MILITARE: LA FLOTTA VERDE PRENDE IL MARE, CONTINUA LA SPERIMENTAZIONE DEL GREEN DIESEL

MARINA MILITARE: LA FLOTTA VERDE PRENDE IL MARE, CONTINUA LA SPERIMENTAZIONE DEL GREEN DIESEL

TARANTO – La Marina Militare continua la sperimentazione del biocombustibile a base di Green Diesel a bordo delle unità della squadra navale. Il prossimo 4 giugno, a La Spezia, avrà luogo la sperimentazione sul cacciatorpediniere Duilio e il 18 giugno a Taranto avrà luogo, per la prima volta, la sperimentazione su un sommergibile, il Gazzana.

L’attività in mare servirà a documentare con ulteriori misurazioni, che il gasolio formulato con il 50% di biocarburante è una valida alternativa al combustibile derivato dal petrolio, confermando la qualificazione tecnica del gasolio verde. Il biocarburante prodotto con tecnologia ECOFINING presso la bioraffineria ENI di Porto Marghera, è infatti già stato incluso nella specifica tecnica del gasolio individuato dal codice NATO F76.

I problemi legati all’inquinamento, al surriscaldamento, e, più in generale, all’impatto ambientale delle attività umane, sono tematiche di grande attualità, alle quali la forza armata pone sempre grande attenzione. A testimonianza della sensibilità e dell’effettivo impegno della forza armata verso tali problematiche la marina ha intrapreso iniziative concrete per la salvaguardia dell’ambiente e dell’ecosistema marino in particolare.

In tale ambito si inquadra il progetto “Flotta Verde”, che nasce dall’esigenza di individuare un prodotto alternativo al combustibile navale di origine petrolifera attualmente utilizzato a bordo,  in linea con i recenti orientamenti sulla sicurezza energetica dell’Alleanza Atlantica e di contrasto ai cambiamenti climatici dell’Unione Europea.

Gli obiettivi del progetto Flotta Verde prevedono: entro il 2015 la certificazione delle unità di prima linea della squadra navale all’impiego del gasolio verde a specifica F76, ovvero green F76; entro il 2016 la flotta verde in navigazione, una formazione di unità navali operanti in Mediterraneo con il 50% dell’energia da fonti alternative al petrolio; entro il 2020 la riduzione fino al 40% della dipendenza dal petrolio della squadra navale. Oltre alle nuove unità faranno parte della nascente flotta verde anche quelle attualmente in linea con mirati interventi di riqualificazione energetica.

Leggi anche:

  1. Dossier Goletta Verde: 12mila chilometri quadrati a rischio petrolifero
  2. Progetto Flotta Verde: la Marina Militare punta sul gas naturale liquefatto
  3. Goletta Verde: mare inquinato e acque non depurate ogni 57 chilometri
  4. Goletta Verde è in Puglia
  5. Marina Militare: l’Accademia navale di Livorno comincia l’addestramento

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=29655

Scritto da Redazione su giu 3 2015. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab